Home Archivio storico 1998-2013 Generico Parità scolastica e “diplomifici”

Parità scolastica e “diplomifici”

CONDIVIDI
  • GUERINI


Un comunicato diffuso dal Miur sottolinea che "il ministro Letizia Moratti ha riaffermato l’impegno a proseguire il percorso di piena attuazione della Legge 62/2004, al fine di rendere effettivi i principi ed i valori sanciti dalla Legge stessa, quali la libertà di scelta delle famiglie e la pluralità dell’offerta formativa".

Sulla piaga dei cosiddetti "diplomifici", il Ministro, tenendo anche conto del contributo della Commissione di indagine e di studio sull’area dell’istruzione non statale – istituita con il compito di intervenire dal punto di vista amministrativo sulle questioni poste in evidenza dalle recenti indagini giudiziarie della Procura di Verona – ha illustrato gli strumenti atti a superare le storiche anomalie che hanno portato al fenomeno dei cosiddetti "diplomifici".
Sono state così annunciati provvedimenti sul piano amministrativo e legislativo, che saranno adottati dal Ministero. "Anzitutto – ha affermati la Moratti – sarà prescritto, quale requisito indispensabile per il riconoscimento ed il mantenimento della parità nelle scuole di secondo grado, un numero minimo di 8-10 studenti per classe, escludendo la possibilità di ‘classi articolate’. Inoltre, nel caso in cui in una scuola non vi sia un corso completo di studi, ma soltanto una classe collaterale, che non sia la prima, sarà revocata la parità al corso incompleto".
Sulle misure da adottare, il Ministro ha aggiunto: "Sia per le scuole statali che per quelle paritarie, con riferimento ai candidati interni, verrà fissata una percentuale di frequenza minima obbligatoria per consentire l’accesso agli scrutini ed agli esami di Stato. Quanto agli esami di idoneità, sarà posto il vincolo di frequentare le lezioni nell’anno successivo, presso lo stesso istituto ove vengono sostenuti gli esami, pena la non ammissione agli scrutini o agli esami di Stato; infine, le scuole non potranno superare una soglia di ricettività delle relative domande, pari al numero di studenti che completino le classi esistenti".
Il Ministro ha proposto anche altri interventi, che richiedono invece la fonte legislativa, a cui, ha promesso la Moratti, si porrà mano con urgenza. In particolare, viene esclusa la possibilità di costituire commissioni per candidati soltanto esterni agli esami di Stato (ovvero saranno specificate in modo tassativo le condizioni per le deroghe).

Saranno rese più rigorose le condizioni di ammissione agli esami di Stato di candidati "per merito" (i cosiddetti "ottisti"), prevedendo che si sia compiuto un regolare percorso scolastico senza alcun debito formativo in tutto il quinquennio, con la media del sette nello scrutinio finale del primo e del secondo anno del corso dei studi e con non meno di 8 decimi in ciascuna materia nello scrutinio finale del terzo e del quarto anno del corso stesso. Si prevede, infine, che sia nominato un presidente per non più di due o tre commissioni d’esame.
Il Ministro dell’istruzione ha anche comunicato che sono stati già revocati i riconoscimenti di parità alle scuole coinvolte nell’indagine giudiziaria e che per il prossimo anno scolastico verrà intensificata la vigilanza ispettiva e si procederà alle verifiche sistematiche relativamente alla permanenza dei requisiti di tutte le scuole paritarie, a partire dalle scuole secondarie di secondo grado.