Home Sicurezza ed edilizia scolastica Per la messa in sicurezza delle scuole pronti progetti per 1 mld

Per la messa in sicurezza delle scuole pronti progetti per 1 mld

CONDIVIDI
webaccademia 2020

”Caro presidente, apprezzando molto la grande attenzione che ha deciso di dare alle politiche per la scuola, mi permetto di darle un consiglio da amministratore ad amministratore, che darebbe al paese un segnale immediato che questa volta si passerà dalle parole ai fatti: i progetti immediatamente operativi per la messa in sicurezza delle scuole di Province e Comuni ci sono già, e sono quelli presentati dalle amministrazioni per accedere ai 150 milioni di euro messi a disposizione dal Decreto del Fare. Cominciamo con quelli, e potremo aprire cantieri già dal 15 giugno prossimo”.

”I progetti già presentati, e non finanziati perché le risorse a disposizione erano scarsissime, hanno il vantaggio di essere immediatamente cantierabili e ci permettono di fare partire da subito il piano per l’edilizia scolastica che è stato, con nostro pieno apprezzamento, annunciato come priorità dal Governo. Noi stimiamo che si tratti di investimenti per almeno 1 miliardo, tutti mirati a garantire la salute di studenti e lavoratori, a partire dagli interventi di bonifica dell’amianto. I progetti sono stati presentati alle Regioni, che hanno stilato graduatorie puntuali. Sarebbe un segnale molto importante se, invece di perdere tempo prezioso ricominciando di nuovo con procedure burocratiche, per una volta si partisse da quello che c’è già. Ma accanto alla messa in sicurezza, abbiamo bisogno di cominciare ad uscire dalla logica dell’emergenza e puntare a costruire nuove scuole o a rendere quelle esistenti più moderne, dotate di strutture al passo con i tempi. Per questo – annuncia Saitta al presidente Renzi – ho chiesto a tutte le Province di farci avere un quadro dettagliato dei progetti innovativi immediatamente cantierabili, pronti nei cassetti in attesa di finanziamento, che le invieremo in un foglio excell entro la prossima settimana. Un Governo che decide di investire insieme a Province e Comuni sulla scuola – conclude Saitta nella lettera a Renzi – investe nel futuro. Noi siamo pronti”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese