Home Archivio storico 1998-2013 Estero Precari che cambiano provincia, il Miur intende penalizzarli

Precari che cambiano provincia, il Miur intende penalizzarli

CONDIVIDI
  • Credion
Alla vigilia della riapertura delle graduatorie ad esaurimento, si fa sempre più complessa la vicenda dei docenti precari che chiedono il cambio di provincia senza penalizzazioni: per evitare di mutare il regolamento introdotto dall’ex Ministro Fioroni nel 2007, il Miur sembrerebbe infatti intenzionato a ricorre al Consiglio di Stato e tentare così di ribaltare la sentenza del Tar del Lazio che a dicembre si era espresso favorevolmente nel lasciare la normativa immutata permettendo ai docenti di potersi muovere  liberamente nel territorio nazionale.
L’intendimento negativo di viale Trastevere è giunto il 5 febbraio attraverso la risposta del sottosegretario Pizza ad una interpellanza parlamentare: chi cambierà provincia di collazione, nel bienno 2009-2010 si ritroverà in fondo alla graduatoria. Sulla complessa questione, il rappresentante del Governo si è infatti dichiarato impotente e ha rimandato qualsiasi decisione all’incontro del 6 febbraio con i sindacati firmatari del contratto (più la Flc-Cgil). E dall’incontro scaturirà, si sa già, la volontà comune ad opporsi al cambio di norma. I sindacati nei giorni scorsi hanno infatti già espresso tutte le loro perplessità sui cambiamenti in corsa delle regole, dopo che molti docenti precari avevano fatto delle precise (e a volte dolorose) scelte sulla base di quelle introdotte dall’ex Ministro.
Ne consegue che la riapertura delle graduatorie ad esaurimento, sempre più imminente, si baserà sulle regole introdotte dall’ex Ministro Fioroni. In vista del prossimo biennio, non poche migliaia di precari (degli oltre 300mila iscritti) verranno chiamate a prendere una decisione davvero difficile. Si preannunciano non pochi ricorsi.
Amaro il commento di Tonino Russo (Pd) , componente Commissione Cultura alla Camera e promotore dell’interpellanza parlamentare del 5 febbraio: “questo atteggiamento del Governo –  sottolinea Russo – che intende  ricorrere al Consiglio di Stato purtroppo genererà un ulteriore contenzioso che vedrà l’Amministrazione soccombere. Mi pare difficile, infatti, che il Consiglio di Stato – già pronunciatosi con le ordinanze 260 e 1508 del 2008 – possa contraddirsi. I giudici di II grado hanno infatti confutato il teorema della ‘cristalizzazione’  delle posizioni dei candidati inseriti nelle graduatorie, confermando la tesi degli avvocati  dell’Anief pienamente condivise e sostenute nella nostra battaglia parlamentare”. Anche l’Anief, attraverso il suo Presidente Marcello Pacifico, parla di “brutta magra figura” da parte del Governo. Pacifico annuncia anche che l’associazione che tutela i precari è pronta “a chiedere decreti di ottemperanza al Tar e a rappresentare i vecchi ricorrenti in Consiglio di Stato” e a difendere legalmente tutti coloro che impugneranno la decisione del Miur. L’esito dei ricorsi collettivi arriverà però quando la “finestra” per rinnovare la posizione in graduatoria ed intraprendere eventuali cambi di provincia sarà già chiusa. E forse anche definita nelle posizioni.