Home Archivio storico 1998-2013 Generico Progetto Calabria Scuola

Progetto Calabria Scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Direttore Editoriale è il Dott. Ugo Panetta – Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria – e Direttore Responsabile il Dott. Giuseppe Guzzo, Dirigente Tecnico del medesimo ufficio, Giornalista Pubblicista collaboratore di testate giornalistiche della scuola tra cui "La Tecnica della Scuola".
A fare parte del Comitato scientifico sono stati chiamati: Annamaria Fonti Iembo, Antonio Gioia, Maria Levato, Ugo Panetta, Raffaele Perri, Gaetano Princi, Antonio Santagada, Bianca Strangis, Domenico Torchia.
Il periodico – che viene pubblicato con il contributo dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Calabria, al quale è riservata un’apposita sezione – viene inviato a tutti gli istituti scolastici, statali e non statali, agli enti ed istituzioni della Calabria, agli enti e organismi dell’Amministrazione centrale e periferica della scuola italiana.
Articolato nelle sezioni l’Ufficio, la Regione, la Scuola, la Scuola e il Territorio e le Recensioni, aperto alla collaborazione di tutti i dirigenti, docenti ed operatori della scuola calabrese, Progetto Calabria Scuola, come è detto nell’Editoriale, ha il fine di "assicurare la comunicazione e di rendere fruibili e utilizzabili le informazioni sulle iniziative progettate e assunte dai soggetti che  partecipano, sul territorio della regione, ma anche all’esterno, ai processi educativi e formativi… ed intende pubblicare… le iniziative riferite, in particolare ai singoli, determinati aspetti e tematiche" con particolare attenzione alla riforma.
In questo senso Progetto Calabria Scuola  intende porsi, come è detto nella Presentazione quale " spazio aperto a tutti per la diffusione delle attività e delle esperienze di tutta la scuola calabrese, ma soprattutto… perché emerga, il più chiaramente possibile, l’idea di nuova scuola calabrese" che il periodico insieme ai lettori vuole costruire, senza ovviamente presumere di voler "insegnare niente a nessuno" attese anche le difficoltà che trova  l’insegnamento oggi e sempre.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese