Home Contabilità e bilancio Programma Annuale 2019, le tempistiche per la predisposizione e approvazione

Programma Annuale 2019, le tempistiche per la predisposizione e approvazione

CONDIVIDI

Il Miur, nel ricordare che il nuovo regolamento di gestione amministrativo-contabile (D.I. n. 129 del 2018) si applica dal 1° gennaio 2019 (tranne che per l’attività negoziale, le cui regole sono già operative dal 17 novembre), ha fornito indicazioni di carattere transitorio alle scuole in merito alle tempistiche da rispettare per la predisposizione e l’approvazione del programma annuale.

Queste sono le scadenze previste per il 2019:

  • dal 15 gennaio 2019 saranno messi a disposizione sul sistema informativo i nuovi schemi di bilancio per la predisposizione del Programma Annuale 2019;
  • entro il 28 febbraio 2019, la Giunta esecutiva dovrà sottoporre il Programma Annuale 2019 e la relazione illustrativa al Consiglio d’Istituto per l’approvazione; entro la medesima data tali documenti dovranno essere sottoposti altresì all’esame dei revisori dei conti;
  • entro il 15 marzo 2019, i revisori dei conti dovranno rendere il parere di regolarità amministrativo-contabile; tale parere potrà essere acquisito anche con modalità telematiche;
  • entro il 15 marzo 2019, il Consiglio d’Istituto, con apposita delibera, dovrà provvedere all’approvazione del Programma Annuale, anche nel caso di mancata acquisizione del predetto parere dei revisori dei conti entro la data fissata per la deliberazione stessa. In caso di parere dei revisori dei conti non favorevole per rilevata mancanza di regolarità contabile, l’istituzione scolastica dovrà tenere conto delle osservazioni
    formulate e, in caso di mancato recepimento, fornire adeguata motivazione, anche nel caso in cui il predetto parere sia stato acquisito dopo la deliberazione del Consiglio d’Istituto.

Nei casi in cui il Programma Annuale 2019 non sia approvato entro la data del 15 marzo 2019, il Dirigente Scolastico, entro il primo giorno lavorativo successivo a tale scadenza, ne fornirà comunicazione all’Ufficio Scolastico Regionale territorialmente competente che provvederà alla nomina, entro dieci giorni, del commissario ad acta; quest’ultimo provvederà all’approvazione del
Programma 2019 entro quindici giorni dalla sua nomina.

In mezzo alla notizia

Gestione provvisoria

Nelle more dell’approvazione del Programma Annuale 2019, al fine di garantire il prosieguo delle attività amministrative e didattiche, le istituzioni scolastiche provvedono alla gestione provvisoria dal 1° gennaio 2019 fino alla data di approvazione del Programma Annuale stesso. Detta gestione dovrà realizzarsi nel limite di un dodicesimo, per ciascun mese, degli stanziamenti di spesa definitivi del Programma Annuale, regolarmente approvato, relativo all’esercizio finanziario 2018.

Il parere delle OO.SS.

In proposito, la FLC Cgil ha evidenziato alcune criticità, per le quali si dovrebbe posticipare l’applicazione delle nuove regole al 2020.

Le scuole – scrive il Sindacato – devono essere preventivamente preparate prima di poter applicare il Nuovo Regolamento. Perché se il MIUR è pronto, non sono pronte le scuole: nuovi schemi, nuovi passaggi, nuovi applicativi, nuovi regolamenti gestionali, i regolamenti di istituto da adeguare.

E tutto ciò in situazioni in cui migliaia di scuole sono prive di Dirigenti e Direttori e in cui un numero altissimo di istituzioni scolastiche non riescono ad avere neppure un facente funzione di DSGA“.

Ce ne è abbastanza – conclude – perché gli organi amministrativi e soprattutto quelli politici facciano la loro parte a favore delle scuole, differendo le scadenze per consentire la formazione preliminare del personale, cambiando le norme che sono lesive dell’autonomia scolastica e inaccettabilmente onerose per la dirigenza in materia di manutenzione”.

 

CONDIVIDI