Home Valutazioni Prove Invalsi al via. Il presidente Ajello scrive ai docenti

Prove Invalsi al via. Il presidente Ajello scrive ai docenti

CONDIVIDI

Inizia domani lo svolgimento per gli studenti dei test Invalsi. Una stagione di prove per migliaia di studenti, che dovranno affrontare quiz, brani e problemi che proveranno la loro preparazione in matematica, lettura e italiano. I test saranno proposti in modo differente in base al livello scolastico e andranno da un minimo di 20-25 domande per materia per la seconda primaria a un massimo di circa 50 domande per la seconda superiore. In una nota inviata a tutti i docenti, il presidente dell’Invalsi, Anna Maria Ajello, ricorda quanto sia “importante che gli allievi siano messi nelle condizioni di affrontare le prove nel migliore dei modi, consapevoli dell’importanza che essi le svolgano con impegno e senza ansia. Pertanto – suggerisce – è importante adottare tutte le misure che garantiscano che gli alunni lavorino individualmente, evitando suggerimenti da parte di chicchessia”. Anche per il Miur queste prove “offrono a ciascuna scuola dati che possono essere utilizzati come strumento di riflessione e miglioramento, poiché forniscono il paragone con un campione rappresentativo a livello regionale e nazionale”. Alcuni sindacati, tuttavia, continuano ad osteggiare le prove come Cobas ed Unicobas. La Flc Cgil, in un comunicato, ribadisce la necessità di aprire “una campagna di ascolto e, soprattutto, di protagonismo delle scuole e dei docenti, un passaggio fondamentale per superare l’idea che le istituzioni scolastiche e coloro che vi lavorano debbano svolgere solo un ruolo subalterno o meramente esecutivo rispetto alla rilevazioni dell’istituto”. Il sindacato – conclude la nota, “apprezza l’apertura al dialogo e alla partecipazione dimostrata dal presidente”.

CONDIVIDI