Home Sicurezza ed edilizia scolastica Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è individuato dalla RSU

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è individuato dalla RSU

CONDIVIDI

L’elezione (o designazione) del RLS è di competenza dei lavoratori. Viene individuato prioritariamente dalle RSU tra le RSU (se presenti e consenzienti), altrimenti dai lavoratori (esclusi gli studenti equiparati) tra tutti i lavoratori (consenzienti), altrimenti, se nessuno intende assumersi l’incarico, non viene designato (ipotesi di RLS Territoriale).

Internamente alla scuola, la nomina va comunicata formalmente al DS. Verso l’esterno, il DS ha l’obbligo di comunicare all’INAIL provinciale la nuova nomina del RLS (art. 18 c. 1 lett. aa).

Il compito principale di un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) sta nel monitorare la gestione della sicurezza affinché siano rispettate le norme stabilite dal Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81). Il RLS è dunque il punto di riferimento dei lavoratori sugli aspetti che riguardano la salute e la sicurezza sul lavoro.

ICOTEA_19_dentro articolo

E’ opportuno precisare che il RLS è l’unico soggetto sensibile che non ha responsabilità specifiche se non quelle derivanti dal mandato elettorale passivo e per ciò tale che la sua funzione è altamente pregnante all’interno della scuola. L’incarico come RLS dura 3 anni.

Nell’incarico il R.L.S. dovrà provvedere a:

  • Effettuare le necessarie ispezioni, congiuntamente con l’R.S.P.P., al fine di individuare tutti i rischi aziendali e contribuire all’individuazione delle misure di prevenzione e protezione;
  • Partecipare alle riunioni del S.P.P.;
  • Fornire ai lavoratori le necessarie informazioni sulla sicurezza dei processi lavorativi;
  • Partecipare ai corsi di formazione previsti per legge;
  • Formulare osservazioni per il miglioramento delle misure di prevenzione e protezione aziendali;
  • Fare ricorso agli organi competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione adottate non siano idonee a garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori.

CONDIVIDI