Home Politica scolastica Regionalizzazione, M5S perplesso sui concorsi ‘riservati’: “No alla scuola classista”

Regionalizzazione, M5S perplesso sui concorsi ‘riservati’: “No alla scuola classista”

CONDIVIDI

Il tema della regionalizzazione investe anche il mondo della scuola. I sindacati di categoria sono pronti allo sciopero, probabilmente, a maggio, a quattro anni dall’ultima grande mobilitazione, quella contro la Buona Scuola.

L’autonomia differenziata di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, accantonata a febbraio per non creare troppi grattacapi a M5s e Lega prima delle elezioni europee, tornerà presto sul tavolo del governo e del Parlamento. 

Icotea

Dal mondo della scuola è arrivata l’opposizione più forte. Un’istruzione su misura, con dirigenti scolastici e capi degli uffici scolastici regionali alle dipendenze della Regione e con i docenti di nuova nomina negli albi regionali è qualcosa che proprio non va giù. 

La regionalizzazione del sistema di istruzione figura tra i punti, insieme al rinnovo del contratto nazionale e la stabilizzazione dei precari della scuola e della ricerca, della piattaforma alla base dello stato di agitazione proclamato il 29 marzo dai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda.

Sull’argomento è freddo il Movimento Cinque Stelle che ribadisce il no all’idea dei concorsi
riservati dei docenti (“Non vogliamo creare una scuola classista, che penalizzi i nostri
figli, gli studenti, a seconda del loro luogo di nascita”, affermano fonti pentastellate così come riporta il Corriere della Sera)

Leggi anche

Regionalizzazione scuola: sciopero 17 maggio. Sindacati e CEI scrivono ai presidenti delle Camere

Regionalizzazione, se la conosci la eviti. Vicino lo sciopero generale unitario?

Regionalizzazione, Bussetti: “A scuola è necessaria un’autonomia reale”

Regionalizzazione, ecco cosa si prevede in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna [PDF]