Home Archivio storico 1998-2013 Generico Regolamento Regione Toscana in tema di collocamento ordinario dei lavoratori

Regolamento Regione Toscana in tema di collocamento ordinario dei lavoratori

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Con  il  Regolamento emanato con Decreto n. 7/R del 4 febbraio 2004 (riportato sulla G.U. n. 26 – III Serie speciale del 3 luglio 2004), la Regione Toscana, in attuazione degli articoli  22-bis e 22-ter della Legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 (Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro), disciplina le modalità di attuazione delle disposizioni previste dal Decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181 (Disposizione per  agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro; in attuazione dell’art. 45, comma 1, lettera a) della Legge 17 maggio 1999, n. 144), da ultimo modificato dal Decreto legislativo 19 dicembre 2002, n. 297 e  dal Regolamento emanato con decreto del Presidente della Repubblica 7 luglio 2000, n. 442 (Regolamento recante norme per la semplificazione del procedimento per il collocamento ordinario dei lavoratori ai sensi dell’art. 20, comma 8 della Legge 15 marzo 1997, n. 59) al fine di assicurarne l’applicazione uniforme nel territorio regionale, e fornisce gli indirizzi  operativi e gestionali per l’attivazione dell’elenco anagrafico dei lavoratori, della scheda anagrafica, della scheda professionale e dei servizi di sostegno alla ricerca di una nuova occupazione per i cittadini in possesso dello stato di disoccupazione.

Il Regolamento emanato con Decreto n. 7/R del 4 febbraio 2004 del Presidente della Giunta Regionale Toscana disciplina in particolare: i criteri per l’adozione da parte dei servizi competenti di procedure uniformi in materia di accertamento dello stato di disoccupazione; gli  indirizzi operativi per verificare la conservazione, la perdita e la sospensione dello stato di disoccupazione da parte dei servizi competenti; gli indirizzi operativi delle azioni che i servizi competenti effettuano al fine di  favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e allo scopo di contrastare la disoccupazione; i criteri di reclutamento per gli avviamenti a selezione nelle pubbliche amministrazioni; la gestione delle liste speciali non espressamente abrogate dal Decreto legislativo n. 181/2000.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese