Home Attualità Riapertura scuole Friuli, nuovo ricorso al Tar per riportare in classe le...

Riapertura scuole Friuli, nuovo ricorso al Tar per riportare in classe le superiori

CONDIVIDI

In fatto di riapertura scuole, non tutte le regioni si rassegnano alle indicazioni ministeriali e i provvedimenti dei governatori continuano a essere del tutto dissonanti tra loro. Abbiamo segnalato il caso del Friuli Venezia Giulia, che, nonostante sia zona arancione, e quindi come tale possa garantire la didattica in presenza in tutti i gradi di scuola (alle superiori secondo percentuali che vanno dal 50% al 70%), di fatto mantiene in DaD gli alunni delle superiori a dispetto di un’ordinanza del Tar che sconfessa l’ordinanza del Presidente di Regione Massimiliano Fedriga, n. 1/2021 del 04/01/2021, con cui si chiede alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado di svolgere l’attività didattica in DaD al 100% fino al 31/01/2020. In altre parole, i ragazzi delle superiori in Friuli dovrebbero tornare in classe l’1 febbraio, ma c’è un ma.

Il nuovo ricorso al Tar

Secondo fonti Ansa è in partenza un nuovo ricorso al Tar contro l’ordinanza del Presidente Fredriga. Ad annunciarlo è l’avvocato Filippo Pesce, che rappresenta lo stesso gruppo di genitori che ha presentato il primo ricorso, accolto dal Tar la settimana scorsa.

Icotea

Afferma il legale: “I firmatari sono soltanto la punta dell’iceberg di un grande movimento di genitori le cui fila si stanno ingrossando in tutta la regione”. E prosegue: “Nessun intento polemico o politico, ma soltanto si chiede di tutelare i diritti dei ragazzi anche alla luce degli ultimi dati epidemiologici emersi dal Comitato Tecnico Scientifico di ieri”. 

LEGGI ANCHE