Home Archivio storico 1998-2013 Generico Riconoscere le emozioni e saperne parlare

Riconoscere le emozioni e saperne parlare

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Tutti quegli atteggiamenti prevaricatori messi in atto dai più prepotenti nei confronti dei loro compagni più deboli, gli stessi che una volta venivano etichettati come gesti di maleducazione o di delinquenza, oggi vengono contenuti da un’unica parola che forse rischia anche di essere abusata: bullismo.
Di bullismo si parla ormai con una certa frequenza, riportando episodi nazionali ed esteri, facendo viaggiare volti sfigurati di vittime dei bulli da un sito web all’altro e inviandoli anche tramite la posta elettronica. I giornali riportano episodi accaduti nei cortili e nei corridoi delle scuole, nei grossi centri urbani così come nei piccoli comuni rurali. Dall’informazione, sacra e legittima, si rischia di passare così ad una sorta di sensazionalismo che può anche invitare i più vulnerabili a gesti emulativi, favorendo così il perpetuarsi del fenomeno.
Tutto questo, quando non deleterio, è pressoché inutile, lo è per lo meno ai fini della risoluzione del problema, o di un tentativo di soluzione.
Cosa fare dunque laddove il problema esiste?
Alcuni suggerimenti sulle strategie da mettere in atto per ridurre i comportamenti violenti da un lato e quelli passivi dall’altro, dei bulli e delle loro vittime, sono quelli suggeriti da Ersilia Menesini, docente di psicologia dello sviluppo presso l’Università degli Studi di Firenze e una delle massime autorità a livello nazionale nello studio dei fenomeni di bullismo. “Gli episodi di bullismo che spesso vengono esasperati – afferma la Menesini – non solo vanno studiati, controllati e governati, ma devono essere prevenuti in un’ottica di promozione del benessere e della qualità della vita delle nuove generazioni. Tutte le forme di bullismo, fisica, verbale e indiretta – ha spiegato la psicologa – sono manifestazioni di disagio che possono essere affrontate e risolte insegnando ai bambini e ragazzi le abilità necessarie per riconoscere, accettare e comunicare le proprie e altrui emozioni. L’acquisizione di competenze sociali e di strumenti di comunicazione adeguati, verbali e non, può ridurre l’aggressività e la passività, comportamenti presenti nel fenomeno in modo complementare e intrecciato”.
Aiutare i ragazzi a modificare i loro comportamenti aggressivi può prevenire il rischio di sviluppare in seguito comportamenti antisociali o comunque problematici come l’abuso di sostanze, alcool e droghe. Dall’altra parte, le statistiche rivelano che le vittime di prepotenze hanno più probabilità di soffrire in futuro di episodi depressivi che possono anche portare a lesioni gravi e, addirittura, al suicidio.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese