Home Sicurezza ed edilizia scolastica Il rischio biologico e le patologie prevalenti nelle scuole

Il rischio biologico e le patologie prevalenti nelle scuole

CONDIVIDI
  • Credion

Il rischio biologico nelle scuole è di natura prevalentemente infettiva (virus e batteri), con modalità di esposizione in prevalenza per inalazione e per contatto diretto (tra un individuo ed un altro) o indiretto (contatto con superfici o oggetti contaminati). L’affollamento dei locali, l’inadeguata ventilazione e l’insufficienza dei ricambi d’aria negli ambienti rappresentano condizioni critiche, che incrementano la possibilità di contatto con le potenziali sorgenti di rischio (persone affette da malattie infettive o portatrici sane o asintomatiche) e impediscono la diluizione degli inquinanti biologici negli ambienti. Il cattivo stato di manutenzione e di pulizia dell’edificio, degli ambienti indoor, dei servizi igienici e degli impianti sia di trattamento aria che idrosanitari può determinare condizioni favorevoli allo sviluppo e all’accumulo di muffe, batteri ambientali (ad esempio Legionelle) e acari della polvere. Per quanto detto le patologie prevalenti riscontrate tra la popolazione scolastica “sono rappresentate da:

  • malattie virali, con epidemie stagionali di raffreddore, influenza, e altre malattie a trasmissione aerea (morbillo, varicella, rosolia ecc.);
  • parassitosi (ad esempio, pediculosi, scabbia, ossiuri);
  • patologie allergiche (allergie da pollini, acari della polvere, muffe, ecc.).