Home Attualità Ritorno a scuola, non solo plexiglass: lezioni nei cinema e teatri

Ritorno a scuola, non solo plexiglass: lezioni nei cinema e teatri

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La grande polemica sollevata dall’ipotesi di rientro a scuola con i pannelli di plexiglass prosegue tutt’ora: sono tantissimi i pareri contrari a questa prospettiva di ritorno alle lezioni in presenza a settembre. L’idea resa nota dalla stessa Ministra in realtà, come abbiamo segnalato, viene proprio del Comitato tecnico scientifico, che nei prossimi giorni dovrebbe mettere nero su bianco quanto già noto.

Cortili, aula magna e teatri delle scuole per le lezioni

Ma i pannelli di plexiglass non sarebbero le uniche misure per il nuovo anno scolastico: infatti, considerando le distanze di sicurezza da rispettare, le aule probabilmente non basteranno e quindi le scuole potrebbero creare ambienti separati in aula magna, in palestra o nel teatro della scuola. La stessa Azzolina ha paventato l’idea di ricavare classi utilizzando i cortili dove sarebbe possibile allestire aule provvisorie, da installare con edilizia leggera come le tensostrutture, ad esempio.

Lezioni nei cinema e teatri della città?

Siccome i dati sull’edilizia scolastica parlano chiaro e indicano, non solo le aule, ma anche gli spazi come palestre, cortili e teatri delle scuole non sempre sicure e quindi non utilizzabili, ecco che le classi potrebbero spostarsi nei cinema o nei teatri della città, in accordo con gli Enti locali.

ICOTEA_19_dentro articolo

Non si tratta di una novità: in realtà poche settimane fa la vice ministra Anna Ascani aveva già ipotizzato questa soluzione.

Certamente, bisogna attendere se tale ipotesi sarà davvero inserita nel documento del CTS.

 

LA SCUOLA CHE VERRÀ

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

Preparazione concorso ordinario inglese