Home Generale Sale la fiducia per Renzi e il suo governo

Sale la fiducia per Renzi e il suo governo

CONDIVIDI

Per il presidente Ixè, “il fatto che la fiducia in Renzi rimanga così alta in questa fase molto difficile per l’Italia significa che nel percepito degli italiani il premier sta riuscendo a tenere il Paese in una situazione di galleggiamento e forse qualcosa di più”.

Per quanto riguarda la fiducia nei partiti, è cresciuto leggermente il Partito democratico (+0,3%), che s’è confermato prima partito nelle intenzioni di voto con il 42,3% dei consensi, seguono il M5s (20,3%), Forza Italia (15,9%), Lega Nord (7,3%), Fratelli d’Italia e Ncd, rispettivamente al 2,8 e al 2,2%.

Tuttavia gli italiani non si fidano del premier quando dice di garantire che non introdurrà nuove tasse: il 79% degli intervistati ha detto di non credere a Renzi, mentre solo il 21% s’è detto fiducioso.

Icotea

Chi non ha molta fiducia in Renzi è Bersani, l’ex numero uno dei democratici, che alla Festa Nazionale dell’Unità, dice: “Se fossi diventato premier, non sarei rimasto segretario: ma io ho altri gusti…”.

Quindi va al nodo fiducia: “ho sempre pensato che la fiducia viene dalla verità: la gente deve avere davanti un quadro veritiero, con messaggi e indicazioni che abbiano alla prova dei fatti concretezza ed efficacia. Certamente bisogna sempre sorvegliare il rapporto tra comunicazione e aspettative, perché se abbiamo un problema di fiducia, che Renzi è in grado di rilanciare, non va sottovalutata una questione di fondo: per riprendere la strada bisogna crederci, però questa cosa va calibrata con un’azione pratica”.