Home Generale Save The Children: sei milioni di bambini morti ogni anno per malattie...

Save The Children: sei milioni di bambini morti ogni anno per malattie ‘curabili’

CONDIVIDI
  • Credion

“Nel mondo sono 58 milioni i bambini che non vanno a scuola, senza possibilità di costruirsi un futuro. E quasi 6 milioni muoiono ogni anno per malattie facilmente curabili e prevenibili prima di aver compiuto i 5 anni”. Sono alcuni fra i dati contenuti nel rapporto ‘Every last child’ dell’associazione umanitaria per l’infanzia Save the Children.

Il rapporto evidenzia anche che “quattrocento milioni di bambini nel mondo sono discriminati a causa della loro etnia o religione, lo stesso numero di quelli che vivono in povertà estrema sotto i 13 anni. Un bambino sfollato o rifugiato su due non frequenta la scuola primaria e un bambino su 10 vive in un Paese colpito da un conflitto”.

Icotea

Secondo Save the Children, “nonostante i traguardi importanti raggiunti negli ultimi decenni, uno su tutti il dimezzamento della mortalità infantile dal 1990 a oggi, milioni di bambini continuano ad essere esclusi da questi progressi. E’ inaccettabile che, ancora oggi, nascere nel posto sbagliato significhi perdere alla lotteria della vita”.

“Non possiamo continuare a tollerare che siano condizioni arbitrarie come il luogo di nascita, l’appartenenza a un’etnia o religione, la situazione economica della famiglia o addirittura l’essere maschio o femmina, a determinare se un bambino sopravviverà o meno, influenzando la qualità della sua vita”, afferma Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

“Non possiamo più vivere in un mondo in cui i corpi inermi dei bambini in fuga dalla guerra vengono trascinati a riva sulle coste europee, un mondo dove a milioni di bambini e bambine è precluso quel futuro migliore che la scuola permetterebbe loro di costruirsi”, è l’accusa contenuta nel rapporto ‘Every last child’.

“Faremo di tutto – assicura Neri – per eliminare la discriminazione e le barriere per l’accesso di milioni di bambini vulnerabili alle cure sanitarie e all’educazione. Non ci arrenderemo finché non avremo raggiunto fino all’ultimo bambino. Chiediamo ai leader mondiali di unirsi a noi, per far sì che ogni bambino possa accedere a servizi di base vitali”.