Home Politica scolastica Sciopero scrutini, i presidi non possono interferire

Sciopero scrutini, i presidi non possono interferire

CONDIVIDI
  • Credion

L’unico ente autorizzato a verificare se uno sciopero è lecito o no è l’Autorità di garanzia sugli scioperi: i dirigenti scolastici non possono interferire su questi aspetti. A ribadirlo è stata la Flc Cgil di Venezia, dopo che il capo d’Istituto di un liceo scientifico di san Donà di Piave avrebbe presentato un esposto alla procura della repubblica contro un’insegnante che ha aderito allo sciopero degli scrutini ritenendolo illegittimo.

Immediata la replica dei lavoratori della conoscenza aderenti alla Cgil: “Gli sfugge evidentemente che non è lui, ma l’Autorità di garanzia sugli scioperi che si pronuncia sulla legittimità degli scioperi proclamati dai sindacati. E in questo caso l’Autorità ha dichiarato legittimo lo sciopero. Ma evidentemente il fine del dirigente è quello di intimidire altri insegnanti che vogliono scioperare contro il DdL del Governo, che è osteggiato da tutto il mondo della scuola”.

Icotea

 

{loadposition eb-ds-comunicatore}

 

Il sindacato veneto ha colto l’occasione per invitare “tutti gli insegnanti a non piegarsi di fronte a questa intimidazione e ad aderire allo sciopero, se ne condividono le ragioni, mentre il comportamento del dirigente sarà perseguito nelle sedi opportune”, mette in guarda la Flc-Cgil. Della serie: preside avvisato…

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola