Home Archivio storico 1998-2013 Generico Scuola estiva per il recupero della dispersione scolastica

Scuola estiva per il recupero della dispersione scolastica

CONDIVIDI
  • Credion
Nel quadro delle azioni previste in attuazione dei Protocolli d’intesa, stipulati il 20 novembre 2006 e il 13 marzo 2007 dal Ministero della Pubblica Istruzione con la Seconda Università degli Studi di Napoli, l’Università degli Studi della Tuscia, l’Unione industriali della provincia di Caserta, la Provincia di Caserta e la Rai, per arginare il fenomeno della dispersione scolastica, viene organizzata una Scuola estiva sul tema “La dispersione scolastica – Approcci, strumenti, modelli di lavoro per la prevenzione e il recupero”, che si svolgerà contemporaneamente in sedi degli Atenei firmatari del protocollo, a Maddaloni (in provincia di Caserta) e a Viterbo.
Per entrambe le sedi, la partecipazione è aperta a 15 docenti della scuola di istruzione secondaria di 1° grado e a 30 docenti della scuola secondaria di 2° grado. Si deve trattare di insegnanti a tempo indeterminato (di tutte le discipline), rispondenti ad un determinato profilo allegato ai rispettivi bandi, nei quali sono contenute maggiori informazioni sull’iniziativa.
Il termine di presentazione delle domande è fissato al 30 agosto 2007.
Le richieste di adesione verranno esaminate sulla base della presentazione di un curriculum. Costituiscono diritto a precedenza: provenienza da Istituti tecnici e professionali; avere già svolto funzioni che riguardino l’orientamento; documentate esperienze metodologiche.
Il soggiorno è a carico degli organizzatori, mentre alle spese di viaggio dovranno provvedere gli stessi partecipanti.
Il filo conduttore della scuola estiva è il seguente: “Contrastare ed arginare il fenomeno della dispersione scolastica e realizzare percorsi formativi personalizzati che tengano conto degli stili di apprendimento, delle problematiche affettivo-motivazionali, relazionali e sociali di ogni studente, senza trascurare le possibili aperture verso il futuro occupazionale”.