Home Archivio storico 1998-2013 Generico Scuole siciliane: discorso augurale del direttore generale

Scuole siciliane: discorso augurale del direttore generale

CONDIVIDI
  • Credion

IL DIRETTORE GENERALE

Signori Dirigenti Scolastici, Signori Docenti, Signori del Personale amministrativo, tecnico e ausiliario, cari Studenti e relative Famiglie,

un altro anno scolastico si avvia. Tanti sono i progetti e le aspettative di tutti noi in un sistema istruzione che sta cambiando per crescere verso la piena autonomia. Una comunità scolastica in cui si insegna, si ricerca, si forma attraverso modelli sensibili, luogo di incontro di due libertà, la libertà di insegnamento e la libertà di apprendimento.
La vivacità intellettuale, culturale, operativa, che contraddistingue la Scuola della nostra Regione, mi rende sempre più consapevole delle complessità che permeano tale realtà e di come essa costituisca una risorsa, oltre che una scommessa, sebbene ponderata e mirata.

Sono convinto, e con questa mia convinzione so di rappresentare il pensiero di coloro che operano nel contesto formativo, che la risorsa umano-relazionale sia il punto forte di ogni crescita.

La scuola deve fungere da contenitore – nel senso più nobile – delle emozioni e delle idee dei giovani, ascoltandoli e dando loro il tempo per esprimere ciò che sentono dentro.

Le rapidissime trasformazioni economiche, sociali, tecnologiche e culturali a cui siamo sottoposti, rendono i nostri figli apparentemente più concreti e disinvolti  ma spesso emotivamente fragili. In questa dimensione, l’alunno (bambino, adolescente, giovane) si accosta alla vita con forza disordinata e propulsiva, una sorta di entropia del vivere necessaria perché trovi, poi, la strada in cui canalizzarla. Credo con forza che, in questa stagione dell’ipercomplessità, il nostro lavoro richieda la continua scelta di differenziati percorsi educativi, di autocoscienza e di consapevolezza culturale dell’individuo.

Invio pertanto il mio saluto più cordiale di buon lavoro, anche a nome dei Dirigenti amministrativi e tecnici nonché del personale della Direzione Generale e dei Centri Servizi Amministrativi, che al mio fianco operano con impegno e con grande spirito di servizio, ai Dirigenti scolastici di cui conosco le valide capacità e le notevoli competenze; ai Docenti che so essere impegnati in prima linea per formare coscienze e personalità in un quotidiano talvolta non facile; al personale Ausiliario. Tecnico, Amministrativo che attende assiduamente ai propri compiti; agli Studenti e alle loro Famiglie, le quali richiedono, una collaborazione sempre più attiva.

Nel sottolineare infine il supporto notevole fornito dagli Enti locali, compagni di viaggio oggi irrinunciabili per lo sviluppo concreto nel rapporto scuola-territorio-mondo del lavoro, esprimo la certezza che l’anno scolastico che sta per iniziare vedrà un raccordo sempre più stretto con il Governo Regionale ed in particolare con l’Assessore preposto alla Pubblica Istruzione affinché la Scuola siciliana possa consolidarsi come modello di efficienza educativa nel panorama nazionale.


Palermo, 2 settembre 2002

                              IL DIRETTORE GENERALE                                              
Dott . Michele Calascibetta