Home Sicurezza ed edilizia scolastica Seconda edizione del programma “Scuole Innovative”

Seconda edizione del programma “Scuole Innovative”

CONDIVIDI

Il programma “Scuole Innovative” è giunto alla seconda edizione. Con la Legge di Bilancio 2017 sono stati stanziati 100 milioni di euro per la realizzazione di edifici scolastici in Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Sardegna e Umbria. Ora spetta agli Enti locali individuare le aree su cui realizzare le scuole e proporle alla Regioni di riferimento.

Una volta selezionate le aree, si potrà procedere con le fasi di progettazione e realizzazione. I 100 milioni vengono ripartiti tra le dieci Regioni che hanno aderito all’iniziativa, assumendosi l’impegno – comunicato alla Struttura di missione per l’edilizia scolastica – di farsi poi carico dei canoni di locazione da corrispondere all’Inail.

L’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, dunque, mette in campo le risorse così suddivise: il programma “Scuole Innovative” è giunto alla seconda edizione. Con la Legge di Bilancio 2017 sono stati stanziati 100 milioni di euro per la realizzazione di edifici scolastici in Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Sardegna e Umbria. Ora spetta agli Enti locali individuare le aree su cui realizzare le scuole e proporle alla Regioni di riferimento.

In mezzo alla notizia

Una volta selezionate le aree, si potrà procedere con le fasi di progettazione e realizzazione. I 100 milioni vengono ripartiti tra le dieci Regioni che hanno aderito all’iniziativa, assumendosi l’impegno – comunicato alla Struttura di missione per l’edilizia scolastica – di farsi poi carico dei canoni di locazione da corrispondere all’Inail. L’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, dunque, mette in campo le risorse così suddivise:

• Abruzzo: 10.984.987,18 euro

• Basilicata: 3.917.978,76 euro

• Campania: 5.492.493,59 euro

• Emilia-Romagna: 10.984.987,18

• Friuli-Venezia Giulia: 14.646.649,58 euro

• Liguria: 3.441.962,65 euro

• Marche: 14.646.649,58 euro

• Piemonte: 21.969.974,37 euro

• Sardegna: 7.323.324,79 euro

• Umbria: 6.590.992,31 euro