Home Archivio storico 1998-2013 Generico Seconda lingua comunitaria, assemblea a Roma

Seconda lingua comunitaria, assemblea a Roma

CONDIVIDI
  • Credion
La Flc Cgil denuncia “la disastrosa politica di deprivazione culturale portata avanti da questo Governo che non solo taglia gli organici e definanzia la scuola statale ma impoverisce drasticamente l’offerta culturale in tutti gli ordini di scuola e in particolare nella scuola media”.
Per la Flc di Domenico Pantaleo “uno degli aspetti di questo attacco alla qualità della scuola pubblica è la messa in liquidazione della seconda lingua comunitaria”.
Nel pomeriggio del 16 marzo a Roma, in Via Ippolito Nievo 35 (sala Kirner), alle ore 14.30 è in programma un’assemblea nazionale per un’offerta formativa che preveda alle medie l’obbligo della seconda lingua comunitaria, affinché i ragazzi italiani, al pari dei coetanei europei, abbiano l’opportunità di scoprire la cultura e la civiltà di una seconda lingua, nonché per il rispetto dei deliberati europei che raccomandano un’istruzione con almeno due lingue straniere oltre la lingua madre a difesa del multilinguismo, del plurilinguismo e della seconda lingua comunitaria.
Nel corso dell’incontro, introdotto da Joëlle Casa della segreteria nazionale Flc Cgil, interverranno Alain Mouchoux, presidente della Commissione Educazione e Cultura del CSEE/ETUCE, e rappresentanti di Lingua e nuova didattica (Lend), Esperanto Radikala Asocio (Era OnlusEsperanto Onlus), Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti (Cidi), Movimento di Cooperazione Educativa (Mce), docenti di inglese e di seconda lingua comunitaria.
Le conclusioni saranno affidate a Maria Brigida della segreteria nazionale Flc Cgil.