Home I lettori ci scrivono Serve un ritorno a scuola in sicurezza. Lo chiedono i presidenti dei...

Serve un ritorno a scuola in sicurezza. Lo chiedono i presidenti dei Consigli d’Istituto

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono​ oltre​ 40​ i​ Presidenti​ dei Consigli d’Istituto​ piemontesi​ che​ hanno​ sottoscritto​ all’inizio​ di​ agosto​ tre lettere (firmate,​ ad oggi,​ da​ più​ di​ ​ ​ 750​ Presidenti di​ tutta Italia)​ indirizzate​ ​ rispettivamente​ al​ Presidente della​ Repubblica,​ al Presidente​ del​ Consiglio​ Conte​ e​ alla​ Ministra della​ Pubblica Istruzione​ Azzolina​ per esprimere​ le​ loro​ forti​ preoccupazioni per l’avvio​ del​ nuovo​ anno​ scolastico,​ affinché​ alla scuola siano destinate​ tutte​ le​ risorse​ necessarie​ per​ una ripresa​ effettiva,​ concreta ed​ in​ sicurezza.

Per​ il ruolo​ ricoperto​ rappresentano​ tutte​ le​ componenti scolastiche​ (e​ non​ solo​ i​ genitori di​ cui raccolgono le​ preoccupazioni),​ conoscono​ profondamente​ le​ loro​ scuole​ e​ collaborano​ attivamente​ con​ i​ loro​ Dirigenti scolastici.​ ​

I​ Presidenti dei Consigli di​ Istituto​ sottolineano​ che​ delegare​ la gestione​ delle​ criticità prevalentemente all’’autonomia​ scolastica rischia di lasciare​ irrisolti​ innumerevoli​ ​ tra​ cui i più​ rilevanti​ sono:​ la necessità di un significativo​ numero​ di figure​ professionali aggiuntive​ (organici di docenti ed​ ATA),​ l’importanza di garantire l’attività​ scolastica​ in​ spazi​ idonei,​ la​ refezione​ ed​ il​ trasporto​ degli​ studenti​ in​ sicurezza​ e​ con​ un​ adeguato distanziamento​ sociale,​ la ricerca di​ soluzioni didattiche​ innovative​ che​ non​ si limitino​ ad​ una riorganizzazione in​ pluriclassi,​ accorpamenti​ o​ all’utilizzo​ della Didattica​ Digitale​ Integrata (intesa​ come​ mero​ streaming​ della lezione​ frontale)​ e​ infine​ la fondamentale​ attenzione​ all’inclusione​ e​ al​ pieno​ sostegno​ degli​ studenti più fragili.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il​ COVID-19​ ha drammaticamente​ messo​ in​ evidenza le​ gravi problematiche​ già​ esistenti​ nella scuola italiana, dalla mancanza di una seria programmazione​ edilizia​ alle​ classi​ “pollaio”,​ solo​ per citare​ i casi più​ eclatanti, frutto​ di decenni di tagli e​ di uso​ della scuola come​ “bancomat”​ per far cassa,​ da parte​ di governi di ogni colore​ politico. Per chiedere​ che​ finalmente​ si cambi davvero,​ e​ che​ alle​ belle​ affermazioni continuamente​ ripetute​ (su​ tutte: “la scuola​ è​ il​ futuro​ del nostro​ Paese”)​ seguano​ fatti​ concreti e​ coerenti,​ i​ Presidenti​ dei Consigli​ di​ Istituto del Piemonte,​ firmatari​ delle​ sopracitate​ lettere,​ hanno​ deciso​ di​ costituirsi​ in​ Coordinamento​ Regionale, invitando​ i loro​ colleghi a​ farne​ parte,​ tramite​ una​ lettera​ inviata​ a​ tutte​ le​ segreterie​ scolastiche.​

Il Coordinamento​ nasce​ sull’onda​ del​ lavoro​ di​ raccordo​ promosso​ dal​ Coordinamento​ dei​ Presidenti​ dei Consigli di Istituto​ di​ Bologna e​ Provincia.

Analoga​ iniziativa​ è​ in​ corso​ in​ tutte​ le​ altre​ Regioni​ italiane,​ al​ fine​ di​ poter​ costituire,​ entro​ l’inizio​ del​ nuovo anno​ scolastico,​ un​ coordinamento​ nazionale, affinché​ la​ voce​ dei​ genitori e​ delle​ altre​ componenti della scuola​ che​ rappresentiamo​ (insegnanti e​ a.t.a.)​ possa finalmente​ essere​ ascoltata,​ per​ ottenere​ quanto realmente​ necessario​ e​ per​ “vigilare”​ sull’andamento​ delle​ soluzioni fin​ qui prospettate.

Cristina Zedde

Preparazione concorso ordinario inglese