Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza a scuola: premiati gli studenti

Sicurezza a scuola: premiati gli studenti

CONDIVIDI

Si è tenuta alla Camera dei deputati la premiazione dei 16 istituti che hanno vinto la XIV edizione del concorso “Primi in sicurezza” promosso da Anmil e dal mensile per le scuole “Okay”

La premiazione è avvenuta lunedì 6 giugno a Roma, nella Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari.

Icotea

Alla premiazione oltre al presidente nazionale e al direttore della rivista per la scuola “Okay!”,  erano presenti: il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano; la componente della Commissione lavoro nonché della Commissione Infortuni e morti sul lavoro, Annamaria Parente; il presidente del Civ Inail Francesco Rampi; Marco Stancati esperto in comunicazione sociale; Antonio Buccellato Cmb Consulting Srl esperto in formazione di AiFOS e ospiti speciali quali la cantautrice Mariella Nava che ha donato all’Anmil una canzone per le vittime del lavoro “Stasera torno prima”, l’artista rapper Skuba Libre (finalista Italia’s Got Talent) che ha scritto per il Tour per la sicurezza sul lavoro “Qualcosa cambierà” e il noto presentatore televisivo Giovanni Muciaccia. I lavori sono stati coordinati dalla giornalista Luce Tommasi.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

I premi sono stati assegnati alle scuole che hanno partecipato con circa 300 studenti alla cerimonia nella prestigiosa location in chiusura dell’anno scolastico.

L’iniziativa, che ha coinvolto finora oltre 4mila istituti e 1.300.000 studenti su tutto il territorio nazionale, ha voluto essere anche un’occasione per stimolare docenti, studenti e scuole sui temi della sicurezza sul lavoro e della prevenzione degli infortuni, dalle scuole d’infanzia alle scuole secondarie.

L’edizione di quest’anno è stata intitolata “Sicurezza: qui ci casco”. La grande novità di questa edizione è stata l’introduzione delle categorie di partecipazione per le quali il percorso didattico e la stessa assegnazione dei premi finali hanno avuto come parametro non più gli ordini e i gradi scolastici, ma categorie di partecipazione divise in 4 percorsi espressivi.