Home Alunni Sicurezza in Internet: torna Generazioni Connesse

Sicurezza in Internet: torna Generazioni Connesse

CONDIVIDI
  • Credion

Le scuole italiane sono chiamate ad intervenire nell’ambito dell’iniziativa “Generazioni Connesse”, progetto partito nel 2012, cofinanziato dalla Commissione Europea, coordinato dal Miur con il partenariato di alcune.

delle principali realtà italiane che si occupano di sicurezza in Rete: Ministero dell’Interno-Polizia Postale e delle Comunicazioni, Autorità Garante perl’Infanzia e l’Adolescenza, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, EDI onIus, Movimento Difesa del Cittadino, l’Università degli studi di Firenze, Università degli studi di Roma “La Sapienza”, Skuola.net.

Icotea

In questa nuova edizione del progetto le scuole saranno invitate a riflettere sul loro approccio alle problematiche legate alla sicurezza online e ad un uso positivo delle tecnologie digitali nella didattica, identificando i punti di forzae debolezza, nonché gli ambiti di miglioramento e le misure da adottare peri raggiungete tale miglioramento.

Il percorso è rivolto alle classi quarta e quinta della scuola primaria di primo grado e a tutte le classi della scuola secondaria di primo grado.

Il primo passo è la compilazione, da parte dei docenti e del dirigente scolastico, di un questionario online disponibile sul sito del www.generazioniconnesse.it.

Il questionario dovrà essere compilato dal corpo docenti e della dirigenza scolastica entro e non oltre il 30 giugno 2015.

Le domande del questionario sono a risposta chiusa e sono suddivise in quattro parti, che corrispondono a diverse aree tematiche, tra di loro correlate: 

  • Parte A – conoscenza, abilità, integrazione delle TIC nella didattica, uso positivo delle tecnologie digitali.
  • Parte B – sistema valoriale, atteggiamenti, attitudini.
  • Parte C – rischi di un uso non consapevole delle TIC e prevenzione.
  • Parte D – incidenti e abusi relativi ai rischi online: rilevazione, gestione e monitoraggio.

È possibile compilare le varie “parti” del questionario in tempi differenti, ma una volta salvata la singola parte essa non è più modificabile. Il Questionario è scaricabile anche in formato pdf utile per la sessione di compilazione per facilitarne la presa visione.