Home Archivio storico 1998-2013 Generico Sicurezza sul lavoro, le magliette realizzate dagli alunni

Sicurezza sul lavoro, le magliette realizzate dagli alunni

CONDIVIDI
  • Credion
Grande successo per l’ottava edizione del concorso nazionale per la scuola “Primi in sicurezza”, promosso da Rossini Trading in collaborazione con Anmil e il mensile per la scuola “Okay!”.
Sono state oltre 1.000 le magliette spedite dagli studenti, invitati quest’anno a realizzare delle T-shirt in tema di sicurezza e prevenzione degli infortuni sul lavoro; efficaci gli slogan ed i disegni realizzati. Ed è proprio la prevenzione che, unita ad un maggior responsabilità, può contribuire in maniera efficace a frenare la terribile piaga degli incidenti sul lavoro e delle “morti bianche”.
La manifestazione conclusiva del 28 maggio, oltre a rappresentare un momento di festa e aggregazione per tutti i partecipanti, sarà l’occasione per esibire le magliette realizzate dalle scuole selezionate. Durante la cerimonia di premiazione, che si terrà presso la Casa del Giovane di Bergamo alla presenza degli alunni delle scuole finaliste, saranno gli stessi partecipanti a votare la più bella e significativa “T-shirt della sicurezza” tra le vincitrici nelle quattro categorie.
Gli alunni delle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e di secondo grado finaliste potranno quindi scegliere quella che diventerà la maglietta ufficiale dell’ottava edizione del concorso. Nel corso della cerimonia, inoltre, saranno attribuite alle scuole vincitrici le medaglie del Presidente della Repubblica, che testimoniano l’alto valore dell’iniziativa.
“Primi in sicurezza”, iniziativa di grande valore sociale, ha finora coinvolto circa 2.500 scuole e più di 900.000 alunni, rendendo i giovani più consapevoli sui temi della prevenzione degli infortuni sul lavoro.

Cliccando sul link si accede all’elenco delle scuole vincitrici del concorso.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa è possibile consultare i seguenti siti internet: www.priminsicurezza.it e www.anmil.it.