Home Archivio storico 1998-2013 Generico Sondaggio ministeriale sulle iscrizioni: quasi inutile

Sondaggio ministeriale sulle iscrizioni: quasi inutile

CONDIVIDI
  • Credion

I dati sulle iscrizioni forniti dal Ministero dell’Istruzione sono poco attendibili e quindi è meglio aspettare  quelli definitivi.
Lo ha detto nell’aula della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito che ha risposto ad una interrogazione dell’Udc che ha posto una domanda che in questi giorni si stanno ponendo moltissime famiglie e altrettanti insegnanti e dirigenti scolastici: come sarà possibile rispondere alle richieste delle famiglie che hanno iscritto i propri  figli alla scuola primaria se gli organici saranno calcolati su 27 ore settimanali di funzionamento  ?
Per la verità la risposta del Ministro Vito è apparsa piuttosto debole e non è piaciuta affatto all’Udc.
In sostanza Elio Vito ha sottolineato che i dati forniti dal Ministero dell’Istruzione secondo i quali il modello a 30 ore sarebbe stato richiesto dal 34% delle famiglie sono molto parziali dal momento che si riferiscono ad un campione particolarmente ristretto di 900 scuole.
“Questi dati – ha detto Vito – non possono essere indicativi e presi come validi per l’intero territorio nazionale”.
Entrando un po’ nel merito della questione Elio Vito ha comunque ricordato che l’introduzione di classi a 24 ore dovrebbe consentire risparmi “che serviranno ad ampliare il servizio e le proposte educative nella scuola, proprio laddove, invece, è necessario rafforzare il modello delle 30 ore alle classi prime e con l’orario mensa alle classi che adottano i rientri pomeridiani”.
Nella loro interrogazione i deputati dell’Udc chiedevano però anche di sapere se – per sopperire alle carenze di organico – i Comuni dovranno dare impegnare le proprie risorse per garantire i livelli attuali del servizio. Ma su questo punto Elio Vito non ha dato nessuna risposta limitandosi ad invitare tutti  “ad attendere i dati definitivi sulla scelta dei modelli da parte delle famiglie”.
Invito più che condivisibile, ma allora c’è da chiedersi a cosa sia servito il sondaggio del Ministero dell’Istruzione sulle iscrizioni .