Home I lettori ci scrivono Sulla mobilità il Miur si piega ai sindacati nel violare la Buona...

Sulla mobilità il Miur si piega ai sindacati nel violare la Buona Scuola?

CONDIVIDI

Un incontro urgente al Miur, all’indomani degli annunci trionfalistici dei sindacati di potere sovvertire i presunti squilibri e le presunte iniquità introdotte della legge 107/2015 sulla mobilità. È quanto chiede il gruppo GM 2012 in rispetto del T.U. in una lettera aperta al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e al capo di Gabinetto del Ministro dell’Istruzione Alessandro Fusacchia, al fine di scongiurare la violazione palese di una legge appena licenziata.

Al centro delle nostre preoccupazioni, spiegano i docenti, vi è il comma 108 della legge sulla Buona Scuola che “esclude dalla mobilità interprovinciale per un triennio i docenti assunti da graduatoria di merito concorsuale. La maggior parte di noi – continuano  gli insegnanti che hanno vinto l’ultimo concorso a cattedre – ha compiuto la scelta professionale di aderire al piano assunzionale, contando sull’impianto di una legge approvata appena 5 mesi fa”.

Icotea

Seguono due domande cruciali ai vertici del Ministero di viale Trastevere: “Intendete attenervi al comma 108 della legge, che stabilisce per i neoassunti da Graduatorie di Merito (GM) il vincolo triennale nella provincia di assunzione? E poi, per i colleghi assunti in fase B, sempre da GM, fuori dalla propria regione, e senza dubbio penalizzati da un punto di vista logistico, è possibile trovare soluzioni di avvicinamento o ritorno a casa senza che vengano contestualmente calpestati i diritti dei colleghi della fase C?”

“Il vincolo triennale nella provincia di assunzione è – ricordano i docenti -, un elemento di equilibrio che va a calmierare le differenze tra i punteggi dei docenti in GaE e quelli in GM, provenienti come è noto da due canali di reclutamento molto diversi: se si assume come unico discrimine il punteggio e si buttano nel calderone della mobilità anche i GM appena entrati in ruolo, è chiaro che si favoriscono solo ed esclusivamente i precari storici”.

“Questa legge – concludono la lettera gli insegnanti in Graduatoria di Merito – sembrava aver superato certe logiche corporativistiche e abbandonato l’equazione anzianità = merito: dobbiamo forse ricrederci?”