Home Archivio storico 1998-2013 Estero Supplenze all’estero, ecco le disposizioni del Mae per il prossimo triennio

Supplenze all’estero, ecco le disposizioni del Mae per il prossimo triennio

CONDIVIDI

Con il Messaggio del Ministero degli affari esteri del 10 marzo 2008, prot. n. 267/P0088849, sono state trasmessele disposizioni, approvate con D.M. n. 3042 del 7 marzo 2008, recanti disposizioni per la costituzione delle graduatorie di aspiranti supplenti sui posti di contingente statale per il prossimo triennio 2008/2009 – 2009/2010 – 2010/2011.

 
Il provvedimento, corredato di 9 allegati, sarà affisso all’albo della Sede consolare e delle istituzioni scolastiche interessate il 19 marzo 2008, data dalla quale decorreranno i trenta giorni utili per la presentazione delle domande da parte degli interessati, la cui scadenza è, pertanto, fissata al 18 aprile 2008.
Le graduatorie provvisorie redatte dai dirigenti scolastici, ovvero dalle Autorità consolari, dovranno essere affisse all’albo della Sede consolare e delle istituzioni scolastiche e pubblicate sul sito internet della Rappresentanza diplomatica o ufficio consolare competente per territorio o, in mancanza, sul sito del locale Istituto di Cultura, in data 28 maggio 2008.
Le domande di inclusione nelle graduatorie devono essere presentate, utilizzando esclusivamente gli appositi modelli conformi a quelli allegati al Messaggio Mae del 10 marzo, fermo restando che tutti i titoli valutabili devono essere posseduti entro la data del 18 aprile 2008.

Per ciascuna delle due circoscrizioni consolari richieste, gli aspiranti presenteranno tanti modelli quante sono le fasce per le quali hanno titolo all’inclusione.

Icotea

Le disposizioni, oltre attraverso i link, sono consultabili nel box “Approfondimenti”.
Sul n. 16 del 1° aprile 2008 della nostra rassegna cartacea, presente in tute le edicole, pubblicheremo una apporfondita guida e uno speciale sull’argomento. Chi volesse acquistare copia del giornale può farlo anche attraverso il nostro sito.

Si informano i lettori che il Ministero degli affari esteri, in data 19 marzo, ha inviato un’errata corrige relativamente all’art. 4, punto 5, lettera h) delle Disposizioni e all’Allegato 9. Vedi il box “Approfondimenti”.