Home Attualità Test con domande sul sesso: parte la denuncia

Test con domande sul sesso: parte la denuncia

CONDIVIDI

 “Malgrado la denuncia lanciata nei giorni scorsi dal Comitato ‘difendiamo i nostri figli’ (promotore dei family day), agli alunni di molte classi seconde delle Superiori continua a essere somministrato il questionario di matematica finito al centro delle polemiche per le domande inerenti temi sensibili e attinenti alla sfera educativa familiare quali aborto, omosessualità e comportamenti sessuali”. Lo denuncia, scrive l’agenzia Ansa, il vicepresidente del Family day, Simone Pillon, avvocato al foro di Perugia.

 “Alla luce di questa indebita ingerenza nel privato dei ragazzi, l’istituto Alessandro Volta di Perugia ha annullato la somministrazione del test, programmata senza il consenso delle famiglie. Ci giunge notizia però che un istituto superiore di Assisi – prosegue – ha aderito al progetto e per ovviare a eventuali polemiche ha chiesto l’autorizzazione ai genitori tramite email”. 

Icotea

Ecco il questionariodi matematica finito al centro delle polemiche

 

{loadposition carta-docente}

 

 “In pratica  dopo le prime 50 domande su funzioni e serie numeriche, si chiede  a ragazzine e ragazzini di 14 e 15 anni di valutare affermazioni di questo tenore: l’omosessualità maschile è una perversione, è accettabile che una donna abbiarapporti sessualicon una persona appena conosciuta, alcune gentilezze verso le donne sono umilianti perché le fanno sentire impotenti e relegate in un ruolo stereotipico, approvo che una donna assuma un ruolo aggressivo in un rapporto sessuale, il tutto correlato da domande sullo status sociale ed economico dei genitori per mappare le famiglie. E’ chiaro che l’obiettivo sia dimostrare una correlazione tra profili sensibili ad alcunequestioni etichee il livello di propensione delle femmine allo studio delle scienze”. 

“Alla luce di questa indebita ingerenza nel privato dei ragazzi, l’istituto Alessandro Volta di Perugia ha annullato la somministrazione del test, programmata senza il consenso delle famiglie. Ci giunge notizia però che, proprio in questi giorni, un istituto superiore di Assisi ha aderito al progetto e per ovviare ad eventuali polemiche ha chiesto l’autorizzazione ai genitori tramite email. Peccato che il consenso sia stato richiesto in maniera incompleta, poiché la email giunta alle mamme e ai papà diceva in modo fuorviante che il questionario avrebbe posto domande anche su “temi di attualità”. Dopo ulteriori verifiche dei nostri delegati locali è emerso, fra l’altro, che nemmeno il personale docente era a conoscenza delle domande più intime sui comportamenti sessuali e lo status sociale delle famiglie”.

Conclude Simone Pillon: “Per tutti questi motivi chiediamo nuovamente che in tutte le scuole d’Italia sia sospesa la somministrazione del test e che i presidi e i professori vigilino sulle attività proposte da soggetti esterni e informino le famiglie circa il reale obiettivo di questa ricerca europea che mappa le famiglie in base ai loro convincimenti valoriali”.