Home Università e Afam Test Medicina 2016, c’erano domande prese dagli eserciziari? Il Miur nega

Test Medicina 2016, c’erano domande prese dagli eserciziari? Il Miur nega

CONDIVIDI

Le domande del test di ingresso 2016 a Medicina e Chirurgia erano in parte già note, perché pubblicate sui manuali di preparazione.

Lo sostiene l’Unione degli universitari, ma non solo a parole: l’associazione studentesca ha infatti denunciato l’ipotesi di ripetizione dei quesiti all’Autorità nazionale anticorruzione, minacciando di presentare anche formale ricorso al Tar del Lazio.

Icotea

Secondo l’Udu, “a seguito del test di accesso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria dello scorso settembre è emersa la presenza all’interno della prova di molte domande non inedite, ossia copiate integralmente dagli eserciziari di preparazione utilizzati maggiormente dagli studenti o da edizioni precedenti dei test stessi”.

Gli studenti, poi, dichiarano di essere “venuti a conoscenza del fatto che almeno per il test del settembre 2016 la scelta delle domande presenti nella prova è stata commissionata dal Miur stesso ad un’azienda terza”.

I dettagli saranno presentati in una conferenza stampa lunedì, annuncia repubblica.it.

Quasi immediata è giunta la replica del Miur, secondo cui “in merito al test di accesso a Medicina del 2016, sia per quanto riguarda la procedura di affidamento della produzione delle prove, che la qualità e l’originalità dei quesiti, si precisa che non c’è nessuna ombra: tutto si è svolto secondo la normativa e le disposizioni vigenti e in totale trasparenza”.

Da Viale Trastevere si sottolinea che “la selezione del 2016 è stata regolata da due decreti ministeriali, disponibili anche online: il numero 312 del 24 maggio 2016 e il numero 546 del 30 giugno. Il primo riguardava l’istituzione della Commissione di esperti per la validazione scientifica dei quesiti da proporre alle candidate e ai candidati, il secondo le modalità di svolgimento e la composizione delle prove”.  

Con il decreto 312, alla Commissione è stato affidato il compito di validare “i quesiti a risposta multipla, compresi quelli di riserva, relativi ad argomenti di cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica, storia, disegno e rappresentazione, matematica e fisica” verificandone “altresì la coerenza con i percorsi di studio della scuola secondaria superiore per ciascuna area”.

Il decreto 546 specificava che il Miur predispone i quesiti stessi, avvalendosi di soggetti con comprovata competenza in materia, individuati nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e riservatezza. Il Miur ha deciso di affidare l’incarico al Consorzio interuniversitario Cineca, con una apposita nota in cui si specifica, fra l’altro, che “tutti i quesiti […] dovranno essere inediti, non dovranno essere tratti da banche dati standard a catalogo, dovranno essere predisposti unicamente per le prove in oggetto e dovranno essere supportati da adeguata motivazione scientifica”.

 

{loadposition carta-docente}

 

Il Cineca con una gara pubblica (la procedura è facilmente rintracciabile nella sezione “Amministrazione trasparente” del Consorzio all’indirizzo https://trasparenza.cineca.it/bandi-di-gara-e-contratti) ha assegnato il servizio di predisposizione dei quesiti alla società “Selexi”. L’attribuzione del codice identificativo di gara e lo svolgimento di una selezione pubblica rendono rintracciabile e trasparente l’affidamento dell’incarico di redazione dei quesiti, nessuna presunta segretezza come riportato da alcuni organi di stampa.

Nel contratto stipulato con il fornitore del servizio, Cineca esplicita che: “l’esecutore non potrà fare copia o riprodurre in qualsiasi supporto…i dati e le informazioni oggetto delle attività svolte” ed ancora “l’esecutore si impegna…a non utilizzare i dati e le informazioni per scopi commerciali”. C’è stato quindi uno scrupolo specifico del Miur e del Cineca nel richiedere la somministrazione di quesiti inediti. Una misura di salvaguardia che comunque non è prevista dalla disciplina primaria: la legge 264/99, che regola l’accesso ai corsi a numero programmato, non impone la necessaria “originalità dei quesiti”.

La norma prevede invece che i quesiti siano validati (sotto il profilo dell’esattezza della formulazione, della presenza tra le 5 opzioni di risposta di una sola risposta esatta nonché della corrispondenza ai vigenti programmi della scuola secondaria superiore). Compito svolto regolarmente dalla Commissione nominata nel 2016.

Sulla questione dei quesiti non originali, nel frattempo, si sono già espressi il Tar Lazio e il Consiglio di Stato. Il Tar Lazio ha affermato che: “i quesiti sono stati somministrati in modo identico a tutti i partecipanti e che non appare rilevare in modo decisivo il dato (casuale fino a prova contraria, trattandosi in molti casi di esercizi di logica) della presenza di quesiti simili in testi di preparazione all’esame comunemente in commercio” (Tar Lazio, Sez. III, 13 giugno 2017, n. 2931).

Il Consiglio di Stato, massimo organo della giustizia amministrativa, ha rigettato i ricorsi perché “la presenza di quesiti simili o identici prelevati da una molteplicità di testi di preparazione non risulta elemento tale da inficiare gli atti oggetto di impugnativa” (Consiglio di Stato, Sez. VI, 24 febbraio 2017, n.780).

“Qualora emergessero nuovi elementi, tali da dover prendere decisioni in merito, il Miur agirà di conseguenza. Nel frattempo si ribadisce la correttezza e la trasparenza di quanto avvenuto nel 2016, anche a tutela di coloro che si stanno preparando per le prove di settembre che debbono poterlo fare in un clima sereno”, concludono dal dicastero dell’Istruzione.

{loadposition facebook}