Home Politica scolastica Titolarità sulla sede addio. Uno sciopero per abrogare la legge

Titolarità sulla sede addio. Uno sciopero per abrogare la legge

CONDIVIDI

Le contraddizioni che ha creato (e continua a creare) la legge 107 sono tante, troppe e nelle scuole si è ormai determinata una situazione difficile.

Ma i problemi più gravi si vedranno a settembre quando sarà chiaro a tutti che la legge cancella la titolarità sulla sede scolastica, senza neppure fare distinzione fra organico di diritto e organico dell’autonomia. E così anche un insegnante con 20-30 anni di servizio potrebbe trovarsi dall’oggi al domani a fare il “jolly”, due settimane in IIIA ad insegnare italiano, un mese nel plesso X per mettere in piedi il laboratorio teatrale e così via.
Intanto ci saranno i neoassunti (65mila in tutto) che verranno assegnati in prima battuta agli albi territoriali e che dovranno recarsi in pellegrinaggio dai dirigenti dell’ambito per ottenere un incarico.
Il bonus premiale andrà a regime e i dirigenti scolastici potranno “valorizzare” i docenti più acquiescenti e disponibili a “collaborare”.
Forse si aprirà il tavolo contrattuale ma siccome non ci sono soldi si potrà al massimo firmare un contratto sulla parte normativa, sicuramente peggiorativo rispetto a quello attuale. 
Come uscirne?
La strada è una sola: intanto preparare il terreno per vincere la battaglia referendaria (le firme dovrebbero esserci, manca solo il via libera della Corte Costituzionale) e poi organizzarsi per fare ciò che era stato ventilato lo scorso anno ma che non si è realizzato anche per la mancanza di volontà dei sindacati del comparto.
In poche parole: sciopero generale del mondo della scuola già a ottobre con manifestazione nazionale a Roma, possibilmente in prossimità del referendum costituzionale in modo da mandare un segnale chiaro e netto al Governo che proprio a ottobre dovrà iniziare anche a discutere la legge di stabilità per il 2017.
E magari a quel punto il popolo della scuola potrebbe persino riuscire a spuntare modifiche significative alla legge 107.

Icotea

{loadposition eb-scuola-italia}

 

 

{loadposition facebook}