Home Politica scolastica Totoministri, all’Istruzione serve un tecnico-pratico: come Chiappetta o Stellacci

Totoministri, all’Istruzione serve un tecnico-pratico: come Chiappetta o Stellacci

CONDIVIDI

Il totoministri, dopo quello del nuovo premier, è stato già lanciato in queste ore dai maggiori quotidiani nazionali.

Le voci sono più o meno accreditate ma l’idea che si profila è di affidare a nomi (tecnici o politici) conosciuti le sorti del nuovo esecutivo.

Icotea

Per il ministero dell’Istruzione però sarebbe opportuno comprendere che gli interventi del futuro ministro difficilmente potranno incidere sull’impianto della legge sulla Buona Scuola, perché è impensabile capovolgere tutto, ma dovranno piuttosto attutire alcuni effetti assurdi e correggere alcuni palesi errori generati da una legge che nel bene o nel male è stata attuata.

Per farlo, non ci vuole un ministro esclusivamente politico, portato per sua natura a interventi poco tecnici e di largo respiro, frutto d’intese con le parti sociali, accordi che in questa fase non offrono molti spazi se non quelli di rischiare di complicare le cose.

E non ci vuole neanche un ministro esclusivamente tecnico perché rischia di essere troppo distante dai problemi concreti e più diretto a elaborare modelli complessi e soluzioni che, considerati i tempi stretti, sono al momento poco praticabili.

Ed allora ci vorrebbe un ministro tecnicamente capace ma al tempo stesso molto pratico. Diciamo un Tecnico-Pratico.

 

{loadposition eb-progetti}

 

Da dove pescare queste figure? Si potrebbe pensare ad un dirigente scolastico, ad un docente qualificato, ovvero risorse umane che sono in campo e vivono giornalmente le problematiche scolastiche, ma è anche vero che per avere una figura completa (dal punto di vista tecnico-pratico !!) si potrebbe puntare su chi sta o è stato ai vertici dell’amministrazione scolastica italiana ricoprendo ruoli apicali e quindi conoscendo la complessa organizzazione della scuola italiana a tutti i livelli: dagli uffici territoriali a quelli del Miur centrale o più generalmente dal basso all’alto.

Facciamo qualche nome? Proviamo a partire da un paio. Ed infatti non possiamo non rilevare che già di un ex capodipartimento, l’attuale ministro si è avvalsa dell’aiuto chiamandolo come consigliere: si tratta di Luciano Chiappetta. Forse non sarebbe una cattiva idea affidare a chi da decenni affronta le stesse problematiche, spesso ingigantite da una politica e da un “atteggiamento” sindacale miope, lo sbroglio di una matassa generato dalla riforma fin quanto è possibile.

Ma c’è anche un altro ex capodipartimento ancora in campo nel mondo della scuola: è Lucrezia Stellacci, attualmente impegnata nel Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione che durante il governo Profumo è riuscita a conciliare con la burocrazia un’idea di scuola che i  governi successivi hanno sviluppato.

Sono solo due nomi a cui potrebbero aggiungersene altri e che danno il taglio di come dovrebbe essere aperta una riflessione sul nome del futuro titolare di Viale Trastevere.

Difficilmente però nel totoministri dei media leggeremo i loro nomi e di altri con le loro caratteristiche. Se accadesse sarebbe un bel segnale e al tempo stesso una piccola rivoluzione.

 

{loadposition eb-clil-tutti}

 

 

{loadposition facebook}