Home Reclutamento “Tutti in cattedra a settembre”, per Fratelli d’Italia la promessa di Bianchi...

“Tutti in cattedra a settembre”, per Fratelli d’Italia la promessa di Bianchi non sarà mantenuta

CONDIVIDI
  • Credion

Gli emendamenti al decreto Sostegni-Bis, sul quale il 13 luglio la Camera esprimerà al fiducia, non soddisfano i sindacati. E nemmeno l’opposizione politica. “Un emendamento del PD, frutto di un compromesso con i 5 Stelle, spegne la speranza di una ripresa per la scuola. L’obiettivo primo, interventi risolutivi per il precariato, è ben lontano dall’essere raggiunto. Questo, nonostante l’illusoria dichiarazione del ministro Bianchi: “tutti in cattedra a settembre”. E la scuola italiana rimane nel caos”. A dirlo sono i deputati di Fratelli d’Italia Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti, rispettivamente responsabile Scuola e responsabile dipartimento Istruzione. Il riferimento di FdI è al numero ridotto di precari, circa 20 mila, che verranno assunti a tempo indeterminato, a fronte della presenza elevata di cattedre vacanti e in organico di fatto, che già nel 2020/21 ha prodotto ben 213 mila contratti a termine.

Azzolina irrispettosa

“E in questo quadro così desolante – proseguono – arrivano le esternazioni irrispettose dell’ex ministro Azzolina che non desiste nel continuare ad insultare migliaia di docenti precari, parlando di un’ipotetica sanatoria nel decreto sostegni bis”.

Icotea

Organici fermi

Secondo i rappresentanti di FdI, “Bianchi dovrebbe ricordare che nulla è stato modificato negli organici rispetto allo scorso anno e che un ministro che sa dove mettere mani non ha bisogno di ricorrere alla magia, visto che non occorre tirare fuori i docenti dal cilindro. Ci sono eccome, basta stabilizzarli”.

Niente sicurezza

Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti concludono l’intervento sostenendo che quando “tra due mesi” gli alunni si ritroveranno in classe per il nuovo anno scolastico non saranno posti “in sicurezza” perché ci saranno tante “cattedre vacanti, organici ATA insufficienti (sorveglianza e vigilanza degli alunni uguale a zero)” e continueranno a mancare “interventi sull’edilizia scolastica e sui trasporti”.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook