Home Archivio storico 1998-2013 Estero Tutto il mondo è… paese: in Kenya migliaia di prof in sciopero...

Tutto il mondo è… paese: in Kenya migliaia di prof in sciopero per i mancati aumenti

CONDIVIDI
  • Credion
A volte può essere utile confrontarsi con realtà lontane da noi: come quella che si sta verificando in Kenya, dove, malgrado sindacati e Governo abbiano raggiunto un’intesa di massima per migliorare le condizioni economiche degli insegnanti del Paese, negli ultimi giorni lo sciopero di 230.000 insegnanti della scuola elementare sta paralizzando le scuole. La maggior parte degli oltre 18mila istituti primari pubblici sono infatti rimasti chiusi. E la prossima settimana andrà ancora peggio perché alla protesta si uniranno i docenti in servizio negli istituti secondari inferiori e superiori.
La protesta non sembrava imminente. O dietro l’angolo. Nelle scorse settimane, infatti, i sindacati avevano strappato al Governo del Kenya la promessa di portare da 130 a 176 dollari Usa mensili la paga degli insegnanti meno pagati e da 513 a 1.154 dollari, sempre al mese, quella spettante ai docenti altamente specializzati.
I fatti però hanno sconfessato l’impegno: il Governo ha predisposto un piano che avallerebbe gli aumenti, ma “spalmandoli” su tre anni. A quel punto i docenti, che vivono in un Paese dove il tasso d’inflazione è pari fino al 26% annuo, supportati dagli stessi sindacati sono insorti ed hanno inviato un vero e proprio ultimatum ai politici che hanno in mano il Paese. Scaduto il quale sono scesi in piazza. Mettendo in crisi l’istruzione degli oltre 8 milioni di studenti (una cifra, par capire di cosa stiamo parlando, leggermente superiore a quella dei nostri iscritti in tutti gli ordini e gradi scolastici). Il leader del sindacato degli insegnanti, George Wesonga, ha anche annunciato che dal 26 gennaio la protesta si estenderà a tutti gli ordini di scuola. E che se non dovesse produrre risultati gli insegnanti andranno avanti nella protesta ad oltranza.

Sì, è vero: a volte può essere utile confrontarsi con realtà lontane da noi. Così lontane, ma, con le dovute differenze, anche tanto vicine.