Home Politica scolastica Un anno di consultazioni? Forse Renzi dovrebbe spiegarsi meglio

Un anno di consultazioni? Forse Renzi dovrebbe spiegarsi meglio

CONDIVIDI
  • GUERINI

L’idea che la “consultazione” sulla riforma della scuola venga fatta “casa per casa” e scuola per scuola e che duri un anno almeno può essere buona o pessima a seconda dei punti di vista.
Certamente un anno di dibattiti, incontri, consultazioni e così via potrà servire a creare il consenso necessario e a trovare soluzioni condivise sui punti più controversi e complessi.
Ma se si guarda la questione sotto un altro aspetto, c’è da essere preoccupati, se non addirittura sgomenti: Renzi vuol forse dire che per un anno non si assumeranno decisioni e si continuerà a discutere e a dibattere?
Se è così, va detto fin da ora che non ci siamo proprio: la scuola italiana non può aspettare ancora, i problemi sono gravi e complicati e necessitano di soluzioni immediate, urgenti e decisive.
Il problema dell’organico funzionale può essere ancora rimandato?
E fino a quando bisognerà attendere perché si assuma qualche decisione sul tema del rapporto fra scuola e mondo del lavoro?
La formazione e l’aggiornamento dei docenti possono essere lasciati ancora per molto tempo alla buona volontà e alla libera iniziativa dei singoli?
Ma quello che più allarma nelle parole di Renzi è il fatto che non si capisce se anche il piano di assunzioni dovrà passare attraverso dibattiti e confronti o se invece lo si dà per scontato.
Facciamo poi due conti: se per discutere il Piano ci vuole in anno, è evidente  che solo nell’autunno del 2015 potremo avere una proposta di riforma definitiva e condivisa da portare in Parlamento.  E siccome i tempi tecnici li conosciamo bene, questo vuol dire che la proposta potrebbe diventare legge dello Stato solo nell’autunno del 2016 e quindi entrare in vigore a partire dall’anno scolastico 2017/2018. Intanto , per i prossimi 3 anni nella scuola si continuerà a navigare a vista, con risorse sempre più scarse e in un clima di incertezza sempre maggiore.
E allora, non sarebbe forse male se Renzi spiegasse un po’ meglio che cosa vuole dire davvero.