Home Archivio storico 1998-2013 Riforme Un fondo per diffondere la “cultura dei makers” nelle scuole

Un fondo per diffondere la “cultura dei makers” nelle scuole

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Stanziati 10 milioni di euro dalla legge di stabilità (5 per il 2014 e altrettanti per il 2015) destinati al sostegno delle imprese che si uniscono in associazione temporanea di imprese (ATI) o in raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) per promuovere ricerca e sviluppo di software e hardware anche di carattere didattico.
Lo prevedono due commi dell’articolo 1 della legge 147 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre.
Le risorse del fondo saranno erogate a quelle associazioni di imprese che opereranno in collaborazione con istituti di ricerca pubblici, con università e con istituzioni scolastiche autonome pubbliche sulla base di progetti triennali volti relativi a molteplici temi, tra cui

ricerca e sviluppo di software e hardware;
condivisione e utilizzo di documentazione in maniera comunitaria;
creazione di comunità on line e fisiche per la collaborazione e la condivisione di conoscenze;
accesso alle tecnologie di fabbricazione digitale;
promozione di modelli di attivita’ di vendita non convenzionali e innovativi;
condivisione di esperienze con il territorio.

C’è ancora un’ultima voce che prevede espressamente il finanziamento di progetti che mirano a sostenere le scuole del territorio attraverso la diffusione del materiale educativo sulla “cultura dei makers”, espressione con cui si indica un vero e proprio movimento culturale, sociale ed economico che insiste molto sull’idea dell’”artigianato digitale”.
Movimento che si ispira in larga misura anche al modello di Steve Jobs ( “Se puoi immaginarlo, puoi farlo”).
La “maker culture” sembra essere la nuova frontiera del mondo della produzione e il fondo creato con la legge di stabilità potrebbe servire per diffonderne i principi di base anche nella scuola.