Home Generale Un muro per le giovani vittime di mafia

Un muro per le giovani vittime di mafia

CONDIVIDI

Un “Muro della Memoria” dedicato alle giovani vittime della mafia e fatto di mattonelle a forma di palloncino: è questo il simbolo dell’impegno antimafia, un muro alla cui inaugurazione hanno partecipato quattrocento studenti delle scuole secondarie di primo e della primaria di  Pra’, Pegli, Cornigliano, Sestri, Teglia, Campomorone, Quezzi e San Teodoro.

Un muro alla foce del rio

L’opera è stata realizzata sul muro divisorio alla foce del rio San Pietro, in Fascia di Rispetto: gli studenti vi hanno applicato 31 piastrelle di ceramica a forma di palloncino su cui hanno impresso il ricordo di un giovane che ha perso la vita per mano della mafia.

Il Muro è un’iniziativa promossa dall’associazione Libera con la partecipazione del presidente onorario di Libera Gian Carlo Caselli.

In mezzo alla notizia

“Una giornata come questa riempie il cuore di allegria – ha detto Caselli – I ragazzi sono stati commoventi”.

Libera

Il referente regionale di Libera Stefano Busi ha precisato che il percorso del progetto è durato quasi due anni scolastici e che “i ragazzi hanno scelto di realizzare il muro per le vittime di mafia minorenni a Prà proprio in un’area riconquistata dalla città”.

Formelle di ceramica

Le 31 formelle in ceramica sono state realizzate con le indicazioni dei ragazzi e hanno nome, cognome e età della vittima e un pensiero degli studenti. All’incontro era presente anche l’assessore alle pari opportunità del Comune di Genova Arianna Viscogliosi.

CONDIVIDI