Home I lettori ci scrivono Un semplice scambio autovalutativo all’italiana tra tarallucci e vino

Un semplice scambio autovalutativo all’italiana tra tarallucci e vino

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Ho visto la formazione dei Nuclei di Valutazione nei Siti Web di alcuni USR ed è incredibile che, tra i componenti degli stessi, figurino Dirigenti in servizio o in quiescenza (da non più di tre anni) della STESSA Regione in cui dovranno poi valutare i colleghi in servizio.
E’ naturale ipotizzare che sarà un semplice scambio autovalutativo all’italiana tra tarallucci e vino.

E’ indubbio che in Italia i Dirigenti scolastici siano trattati ingiustamente e penalizzati sia sul piano retributivo che professionale, a differenza degli altri colleghi della P.A. ma o si procede ad una seria e credibile valutazione meritocratica dell’efficienza e dell’efficacia del lavoro dirigenziale oppure sarebbe più coerente non spendere risorse finanziare ed umane per una farsa offensiva del senso comune. I docenti sono valutati dal Dirigente, che può interpreterare a sua discrezione i criteri fissati dal Comitato di Valutazione (di cui fa parte anche un genitore!).

Una valutazione credibile dovrebbe essere effettuata non da colleghi compiacenti ma da esperti esterni seriamente preparati.Altrimenti è meglio rinviare.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Preparazione concorso ordinario inglese