Home Generale Un test per sapere il futuro

Un test per sapere il futuro

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Secondo i ricercatori della Nuova Zelanda, attraverso uno studio pubblicata su Nature e durato 35 anni su 1.037 bambini di  tre anni nati a Dunedin, con un test di 45 minuti sulla ‘salute del cervello’ è possibile valutare intelligenza, linguaggio recettivo e capacità mostrando pure quanto sia probabile che il piccolo diventi un criminale da adulto.

I ricercatori di tre diverse università (il King’s College di Londra, la Duke University del North Carolina e l’ateneo di Otago di Dunedin) hanno seguito e studiato le vite dei piccoli partecipanti fino al raggiungimento del loro 38esimo anno di età, scoprendo che il 20% era responsabile dell’81% delle condanne penali e del 66% di richieste di prestazioni socio-assistenziali dell’intero gruppo.

Lo stesso 20% ha inoltre fatto ricorso e consumato il 75% dei medicinali dell’intero gruppo, passando più di metà delle notti negli ospedali e fumando sigarette per più di metà della loro vita.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition eb-stato-giuridico}

 

Secondo i ricercatori, però, c’è una speranza: chi rischia di finire in questo 20% infatti può essere previsto con precisione.

Il 20% del gruppo ha rappresentato “la ‘parte del leone’ di tutti i costi sociali quali criminalità, prescrizioni farmaceutiche e prestazioni socio-assistenziali e sanitarie”, ha detto il  co-autore dello studio pubblicato da ‘Nature’ nella sezione ‘Human Behaviour’.

La speranza dei ricercatori è che, attraverso il test, su possa riuscire ad intervenire in modo precoce per impedire a un bambino di farsi coinvolgere in attività criminali una volta adulto. Anche nell’ottica di evitare tali costi sociali elevati.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese