Home Università e Afam 150° di Rossini, la ministra sostiene l’alta formazione musicale

150° di Rossini, la ministra sostiene l’alta formazione musicale

CONDIVIDI

La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, inaugurando a Pesaro l’anno accademico del conservatorio ‘Gioachino Rossini’ del quale nel 2018 ricorre il 150° della morte   (1792-1868), ha dichiarato: “Puntiamo alla riorganizzazione territoriale dell’insegnamento musicale, con l’integrazione tra conservatori e scuole primarie e secondarie. La messa a regime dell’alta formazione musicale è un impegno vero”.

“Nella Buona scuola abbiamo previsto una delega, trasformata in decreto attuativo, ora al vaglio delle commissioni parlamentari, che mette al centro l’azione verso la cultura umanistica”.

Icotea

La riforma del 1999 prevedeva l’allineamento degli istituti di alta formazione ai parametri dell’autonomia universitaria, con l’equiparazione formale e sostanziale dei titoli di studio: “purtroppo nei fatti così non è stato. La riforma è incompiuta, dobbiamo accelerare per renderla effettiva. Servono una revisione del sistema complessivo dell’Afam, e una rivisitazione della governance degli istituti: ci stiamo già muovendo in questo senso”.

 

 

{loadposition deleghe-107}

 

Fadeli ha pure citato il disegno di legge sulla riorganizzazione territoriale e la soluzione della questione degli istituti pareggiati. Oltre alla statizzazione delle cinque accademie storiche, con accordi specifici di programma. “Anche il nuovo decreto per il reclutamento è in via di completamento: sarà presentato alle organizzazioni sindacali a breve”, ha annunciato Fedeli.

Per quanto riguarda la didattica stanno per concludersi le procedure per l’emanazione del decreto ministeriale per la ‘messa ad ordinamento’ dei corsi accademici di secondo livello. Già dal 2015 sono state recuperate per l’Afam risorse aggiuntive: “si è passati da 5 a 12 milioni di euro: stanziamenti confermati anche per il futuro”.

La ministra ha citato i 5 milioni di euro nel 2015 e 10 milioni nel 2016 riconosciuti per gli istituti musicali ex pareggiati.

”Confidiamo nell’approvazione del Ddl per stanziare progressivamente, nell’arco di 3-4 anni, tutti i fondi necessari alla statizzazione delle istituzioni interessate. L’obiettivo  è l’armonizzazione del sistema pubblico dell’alta formazione musicale. Per il 2017, inoltre, sono stati erogati altri 15 milioni per favorire gli acquisti di nuovi strumenti musicali nelle scuole”.

per quanto riguarda i festeggiamenti per il 150° di Gioacchino Rossini, fedeli ha detto: “I finanziamenti per le celebrazioni del 150/o di Gioachino Rossini devono arrivare in tempi rapidi. E il patrimonio culturale che ruota attorno a Rossini va rilanciato, a maggior ragione in una fase in cui parte delle Marche soffrono per le conseguenza del sisma”.