Home I lettori ci scrivono A proposito della didattica con i banchi con rotelle

A proposito della didattica con i banchi con rotelle

CONDIVIDI
  • Credion

Sui banchi monoposto o banchi-sedia con rotelle si è detto: dei tempi stretti, del numero richiesto (2,5 Mln pezzi), del costo (300 €/cad.) e dell’utilità per il distanziamento sociale.

Nulla si è detto sull’uso didattico di questi arredi per le varie discipline. La Ministra Azzolina ha dichiarato in TV, che sul piano d’appoggio del banco-sedia (50×30  Cm) ci va persino un vocabolario di greco L. Rocci. La Ministra, dovrebbe anche sapere che oggi si disegna su un banco tradizionale (70×50 cm) con squadre e foglio, perché ha frequentato il liceo scientifico!

Icotea

Sono un docente di Disegno e Tecnologia oggi TTRG da oltre 20 anni. Adesso la disciplina ha un quadro orario di tre ore: un’ora di laboratorio CAD e due ore di disegno tradizionale in classe.

Ora leggo che saranno buttati gli attuali banchi monoposto con sedia, sui quali era difficile disegnare con strumenti tradizionali. Questi arredi scolastici saranno sostituii da banchi-sedia con rotelle, “sedute innovative”, per assicurare 1 m di distanza guancia-guancia tra gli studenti (anche meno con mascherina). Per far rientrare così tutte le classi nelle rispettive aule o laboratori ed evitare doppi turni o l’alternanza .

Facciamo due conti: il foglio da disegno A4 squadrato, nella migliore delle ipotesi misura 29,7×21,0 cm., ma in realtà le misure del foglio di carta sono 33×24 cm. Le quadre da disegno: a 45° e a 30°-60° hanno lunghezza media 21-36 cm e un’altezza di circa 20 cm. Siccome per disegnare le squadre, vanno poste all’esterno del foglio, in contato col bordo e/o con la squadratura, per tracciare linee parallele o perpendicolari è necessario che una squadra rimanga fissa e l’altra scorra.

Nelle linee guida dei nuovi Tecnici (DPR 15/3/2010) per la disciplina TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA si pongono tra le abilità quelle di:

– Utilizzare i vari metodi di rappresentazione grafica in 2D e 3D con strumenti tradizionali e informatici.

– Progettare oggetti, in termini di forme, funzioni, strutture, materiali e rappresentarli graficamente utilizzando strumenti e metodi tradizionali e multimediali.

Ora l’impossibilità di disegnare con mezzi tradizionali sui banchi con rotelle, si porrà per: Liceo scientifico, Geometra, Liceo Artistico oltre nel biennio degli Industriali. Forse la Ministra ha intenzione di modificare, oltre i banchi anche i programmi ministeriali vigenti, imponendo per il disegno solo i metodi informatici (disegno CAD) e l’uso di strumenti informatici (portatili o tablet) magari targati Apple?

Giacinto Giglio – Docente di TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA