Home Università e Afam Anche i prof universitari vogliono le giuste retribuzioni

Anche i prof universitari vogliono le giuste retribuzioni

CONDIVIDI

Oltre 14mila docenti universitari hanno sottoscritto e inviato una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella,  chiedendo di poter percepire dal 1° gennaio 2015, come tutte le altre categorie del pubblico impiego, le retribuzioni che sarebbero spettate loro in assenza del blocco del quadriennio 2011-2014; che si sblocchino insomma gli scatti stipendiali a partire dal 1° gennaio 2015, la stessa data in cui sono stati rimossi blocchi analoghi per tutti gli altri dipendenti pubblici.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

Icotea

{loadposition bonus}

I professori chiedono ancora che il quadriennio 2011-2014 sia riconosciuto ai fini giuridici, con conseguenti effetti economici solo a partire dallo sblocco delle classi e degli scatti dal 1° gennaio 2015, come avvenuto per tutti gli altri dipendenti pubblici.

I docenti universitari rivendicano di essere “l’unica categoria del pubblico impiego ad essere soggetti a valutazione” e chiedono di essere valutati al più presto per ottenere gli avanzamenti dovuti. Nel frattempo, segnalano che la pressione sul Ministero ha già portato a 120 delibere di Consigli di Dipartimento e di Senati Accademici o lettere indirizzate ai Rettori in 40 sedi universitarie diverse e crescono di giorno in giorno, pubblicate sul sito web) e un primo slittamento della Valutazione”.