Home Politica scolastica Ancora c’è tanto da fare nel nuovo anno per la scuola

Ancora c’è tanto da fare nel nuovo anno per la scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Se le nuove modalità per il trasferimento dei docenti potranno trovare applicazione, con lo svincolo dell’obbligo di permanenza triennale nel proprio ambito o nella propria scuola, resta ancora tutta aperta la «partita» della chiamata diretta dei prof da parte dei presidi.

Infatti, come ha spiegato la ministra, Valeria Fedeli, i criteri per l’individuazione dei docenti per competenze, stabiliti a livello nazionale con l’intento di assicurare imparzialità e trasparenza, dovranno essere identificati in un accordo ad hoc. 

Ma sul tappeto rimangono anche le nove leggi delega alla Legge 107, come la revisione del percorso formativo 0-6 anni, la revisione del sostegno, la riforma del reclutamento e quella della formazione, provvedimenti che rischiano di decadere se non si disporrà una proroga di almeno due o tre mesi.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition carta-docente}

 

Intanto nelle prime settimane dovrebbe essere pubblicato il bando del nuovo concorso per dirigenti scolastici, per la prima volta gestito interamente dal Miur e non più dalla scuola ad hoc della pubblica amministrazione, mentre si profila pure quello per Direttore dei servizi generali e amministrativi. 

Appare infine sicuro che, in base all’accordo tra la ministra Madia e i sindacati, sarà pure siglato il nuovo contratto di lavoro, fermo dal 2009, col quale si otterrebbe un aumento di stipendio di circa 85 euro al mese, per un impegno complessivo di 5 miliardi di euro a regime.

Preparazione concorso ordinario inglese