Home Politica scolastica Annunciati nuovi tagli. La Flc-Cgil non ci sta

Annunciati nuovi tagli. La Flc-Cgil non ci sta

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Abbiamo già detto no a nuovi tagli al personale scolastico e diciamo ancora NO a nuovi ventilati tagli al personale ATA. Il “Piano Buona Scuola” perde credibilità ogni giorno che passa e si conferma in continuità con le fallimentari politiche dei Governi precedenti.

Abbiamo motivato la nostra opposizione ai tagli commentando punto per punto il Piano del Governo sulla scuola e spiegato che essi non vanno d’accordo con la “buona scuola”.

L’assenza clamorosa di investimenti anche nel settore dei servizi – niente organico funzionale Ata, zero immissioni in ruolo, ulteriori tagli sul personale tecnico e amministrativo – è un vuoto da colmare. Amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici sono indispensabili per avere scuole accoglienti, sicure e che funzionino. Per funzionare le scuole hanno bisogno di tutte le professionalità e non solo dei docenti. E invece il governo si appresta a licenziare oltre 5.000 precari Ata (dietro ci sono altrettante famiglie) e ad azzerare  le supplenze. E questa il governo la chiama lotta alla precarietà? Questa sarebbe la Buona Scuola?

ICOTEA_19_dentro articolo

Tagli lineari, riduzioni di personale e dimensionamenti selvaggi non sono gli ingredienti di una riforma, perché sono elementi distruttivi. E non si può pensare di rifinanziare le scuole prendendo risorse dai tagli alle scuole, alle università e alla ricerca.

Non ci può essere il gioco delle tre carte  sulle risorse!

Il Governo ci dica quali sono gli investimenti possibili per migliorare la qualità della scuola pubblica e quali sono i tempi per la stabilizzazione del personale.

Le risorse possono essere trovate utilizzando i fondi strutturali, introducendo una tassa sulle transazioni finanziarie e una patrimoniale sulle grandi ricchezze e sulle rendite improduttive, possono derivare dalla lotta all’evasione fiscale e dall’abbandono definitivo di inutili spese militari.  

Lo afferma in una nota, il segretario generale della FLC CGIL, Mimmo Pantaleo

 

Preparazione concorso ordinario inglese