Home Archivio storico 1998-2013 Generico Arrivano 400 posti per la scuola dell’infanzia

Arrivano 400 posti per la scuola dell’infanzia

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Potrebbe sbloccarsi già in settimana la vicenda dei 400 posti per la scuola dell’infanzia promessi dal Ministero e tenuti fino ad ora congelati in attesa che si concluda la trattativa sull’art. 43.
I sindacati avevano protestato per questa interpretazione avvalorata anche da un intervento in Commissione camerale del sottosegretario Valentina Aprea e avevano sottolineato come gli organici siano materia extra-contrattuale e soggetta unicamente ad informazione preventiva.

La tesi è stata accolta dal Ministero che  qualche giorno fa ha convocato le parti dicendosi intenzionato a procedere al più presto alla distribuzione dei 400 posti di scuola dell’infanzia finanziati con i fondi destinati all’avvio della riforma.
Positivi ma cauti i commenti sindacali.
Cislscuola, per esempio, valuta favorevomente  "la decisione dell’Amministrazione di sbloccare  l’istituzione dei nuovi posti utilizzando le risorse disponibili anche se l’intervento risulta assolutamente parziale e tardivo rispetto all’avvio dell’anno scolastico".
Va segnalato che le dichiarazioni della Cislscuola sembrano aprire la porta alla possibilità di accogliere fin da subito i bambini con meno di tre anni, anche se
la trattativa sull’art. 43 non è ancora conclusa: "Gli anticipi – si legge infatti nel comunicato stampa sindacale – possono essere accolti solo come fenomeno assolutamente residuale e qualora ricorrano tutte le condizioni previste dalle due suddette circolari" (la 101 del 2002 e la 29 del 2004, ndr)"
.
"In tal caso
– precisa ancora Cislscuola – l’intervento deve assumere un carattere "sperimentale", prevedendo  la riduzione del numero dei bambini nelle classi che dovessero accogliere alunni under 3".
Anche Cgil-Flc valuta positivamente la soluzione proposta dal Miur ma si affretta a sottolineare che "il dissequestro di questi posti rappresenta solo una parziale risposta alle esigenze di superamento delle liste d’attesa e per la generalizzazione della scuola dell’infanzia, che rimane una priorità assoluta".
I posti saranno assegnati alle diverse Direzioni Regionali che provvederanno a distribuirli in base alle richieste presentate.
Ma già ci sono polemiche e proteste: da Bologna, per esempio, fanno sapere che i 46 posti destinati alle scuole della regione sono un goccia offerta a chi sta morendo di sete.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese