Home Archivio storico 1998-2013 Estero Babbo Natale, la scuola, il laicismo e il sindaco

Babbo Natale, la scuola, il laicismo e il sindaco

CONDIVIDI
  • Credion

E l’Osservatore Romano scrive: “Sarebbero potute essere feste davvero tristi quelle dei bambini di una scuola in Francia i quali hanno corso il rischio di non poter ricevere la visita di Babbo Natale. Alla base di tutto una curiosa polemica che ha riproposto la delicata questione del rispetto della religione nel contesto della laicità dello Stato. In nome di quest’ultima, infatti la direttrice di una scuola materna di Montargis, cittadina situata nella Francia centro-settentrionale, nel dipartimento di Loiret, aveva deciso di annullare l’incontro degli alunni con il personaggio tipico della tradizione natalizia al fine di “rispettare i diversi credi” della famiglie.” La Nota continua del quotidiano cattolico continua: “Nell’istituto scolastico dove vengono accolti ragazzi di varie comunità religiose e dove tutti i simboli, dal crocifisso al velo islamico, sono stati vietati da tempo, anche il simpatico, paffuto uomo con la barba bianca era diventato un ospite indesiderato. In realtà per tradizione, ogni anno un Babbo Natale porta in dono ai bambini della scuola dolciumi e altri regali. Al suo posto, per allietare la scolaresca, sarebbe dovuto andare in scena uno spettacolo di marionette.”
Non fare entrare Babbo Natale in classe, così come è da sempre avvenuto, ha suscitato l’indignazione dei genitori che si sono rivolti al sindaco, riferendogli che la decisione sarebbe venuta a seguito delle pressioni delle famiglie musulmane nei confronti della dirigente che avrebbe così ceduto. Da qui la discesa in campo del primo cittadino che ha inviato una lettera alla direzione scolastica dando ragione ai genitori e definendo fuori luogo l’annullamento della visita di Babbo Natale a cui “nessuna accezione religiosa” può essere associata” visto che “è legata a una tradizione alla quale siamo affezionati e il cui carattere profano è, al contrario, accertato”.
E così il sindaco ha fatto la differenze e deciso sulla festa del Natale a scuola. La preside ha infatti comunicato che la visita di Babbo Natale è stata reinserita nel programma delle festività scolastiche. Si svolgerà il 20 dicembre.