Home Politica scolastica Bignami: “Non sono soddisfatta delle argomentazioni del governo sul tema dei disabili”

Bignami: “Non sono soddisfatta delle argomentazioni del governo sul tema dei disabili”

CONDIVIDI
  • Credion

“Non posso ritenermi minimamente soddisfatta dalla risposta ricevuta oggi del sottosegretario Toccafondi in Commissione istruzione del Senato alla interrogazione a mia prima firma sul tema dei disabili nelle scuole.”

E’ quanto afferma la senatrice Laura Bignami, Movimento X, che sottolinea:

Icotea

“Il governo ha risposto in maniera del tutto evasiva alle puntuali domande che avevamo posto per conoscere il numero degli studenti disabili presenti nelle scuole italiane. Non è stato possibile conoscere nè il dato complessivo, nè disgregato per regione e provincia, nè tantomeno quante siano le ore coperte attualmente dagli insegnanti di sostegno.

Ritengo che ciò sia inaccettabile, da parte di un governo che fa della buona scuola un vessillo del proprio programma e che poi dedica una sola pagina a questo tema. Il tutto si riduce ad un insieme di slogan e slides colorate.

Non è di questo che hanno bisogno i disabili e le loro famiglie.

Lo Stato  deve abbandonare l’impronta assistenzialista e deve intraprendere iniziative politiche chiare e decise che favoriscano la riabilitazione e l’integrazione dei ragazzi disabili.

Occorre definire meglio i percorsi di formazione e di specializzazione degli insegnanti di sostegno e degli educatori. Sarebbe opportuno che tali percorsi fossero differenziati in base ai deficit degli alunni, secondo alcune specifiche macroaree, quali: autismo, ritardi mentali, disturbi comportamentali, ciechi, audiolesi, handicap esclusivamente fisici.

Garantire il diritto allo studio agli studenti disabili in tutto il territorio nazionale deve essere una priorità, perchè sostegno non è sinonimo di supplenza.

Permettere ai ragazzi di sfruttare le proprie potenzialità pèr diventare adulti indipendenti – conclude Bignami -non potrà che essere un investimento, e non una spesa per la collettività.”