Home I lettori ci scrivono Caro Di Maio, non allearti con il Partito Democratico

Caro Di Maio, non allearti con il Partito Democratico

CONDIVIDI

Onorevole Di Maio, in queste ore chi aveva creduto nel M5s sta iniziando a ricredersi e a innervosirsi oltre che a  provare anche un po’ di disgusto  sul piano morale e della coerenza intellettuale.

Siamo alle solite: voi politicanti ignorate sempre il voto degli italiani,allora a cosa serve andare a  votare? Se il risultato delle elezioni del 4 marzo è stato chiaro e inequivocabile,se la volontà del popolo  ha manifestato  chiaramente l’insofferenza  nei confronti del PD di Renzi, facendolo precipitare a percentuali da disfatta di Caporetto, che con le sue politiche ultraliberiste ha generato ignobilmente solo degenerazioni sociali ed economiche dal Jobs Act alla buona scuola,con quale coraggio puoi allearti con i responsabili di questo scempio morale e materiale?

Icotea

Secondo te Renzi, Marcucci, Malpezzi, Boschi, (solo a pronunciarli questi nomi  si rischia una ulcera allo stomaco) e  tutta la squadra dei droni renziani ti consentiranno di abolire il Jobs Act e la buona (pessima) scuola? Ci viene solo da ridere. O sei un ingenuo o prendi in giro i tuoi elettori. Allora Di Maio  non cadere nella trappola,hai messo il veto a Berlusconi allora con la stessa coerenza e onestà intellettuale  il veto su  Renzi è altrettanto necessario,altrimenti perdi ogni credibilità e alle prossime elezioni il M5s farà la fine del PD, diventerà movimento inconsistente lacerato al suo interno.

L’unica cosa che ti resta da fare è modificare subito la legge elettorale e tornare subito al voto, questa è la democrazia. Renzi e il suo PD di droni, mai aboliranno la legge cosiddetta della buona scuola, una legge scriteriata e ingiusta,la scuola pubblica non è una azienda e non è una osteria, la scuola pubblica è una cosa seria e la legge 107/2015 deve essere abolita in toto in ogni sua parte, in ogni suo articolo e in ogni suo  comma e ridisegnare tutta l’impalcatura dell’istruzione pubblica in modo serio e lungimirante supportata da leggi  ispirate al senso di giustizia e imparzialità del buon andamento del servizio pubblico, tutti principi tutelati e sanciti dalla Costituzione italiana che Renzi e il PD hanno stracciato e mortificato con ignorante arroganza e supponenza. I docenti italiani chiedono a voce alta che si restituisca loro il prestigio sociale e la dignità di lavoratori professionisti qualità e condizioni ontologicamente intrinseche al mestiere di docente che ci sono state tolte in modo violento e  ignominioso  in questi anni di renzismo nefasto. ON DI Maio coraggio confidiamo ancora in te e nel M5s. Attendiamo fiduciosi.

Michele Orabona