Home Politica scolastica Buona Scuola, Chimienti attacca misure previste dal governo Renzi

Buona Scuola, Chimienti attacca misure previste dal governo Renzi

CONDIVIDI

“Renzi in Aula dopo le forti contestazioni di ieri a Palermo ha avuto il coraggio di parlare delle sue 136 pagine sulla scuola presentandole come la svolta dopo decenni di immobilismo. Siamo d’accordo: la scuola ha bisogno di essere riformata. Ma deve essere riformata non dai burocrati dei dipartimenti del Miur ma dagli operatori, dai docenti e dagli studenti. Se Renzi nei prossimi mesi ascolterà davvero la scuola dovrà rivedere molte delle misure previste nel suo dossier”. Così il deputato del Movimento 5 Stelle, Silvia Chimienti

La deputata rilancia la proposta di legge su precariato e reclutamento (clicca qui per visualizzarla) “equa e condivisibile e costruita insieme a migliaia di docenti”. La proposta grillina mira “all’assorbimento del precariato scolastico nel prossimo quinquennio e alla creazione di un sistema di formazione e di reclutamento per il futuro che possa garantire chiarezza, impedendo definitivamente il rigenerarsi del precariato e delle connesse situazioni di incertezza normativa e occupazionale”.  La proposta, inoltre, mira all’istituzione  “di una Graduatoria unica su base Nazionale per ciascuna classe di concorso, in sostituzione delle suddette graduatorie ad esaurimento, valida per le immissioni in ruolo e in cui confluiscano tutti gli iscritti nelle graduatorie ad esaurimento”.

Icotea

“La scuola si opporrà al fatto di pagare la riforma con gli scatti stipendiali, ultimo baluardo rimasto a difesa del potere d’acquisto dei salari dei docenti italiani sottopagati rispetto al resto d’Europa e si opporrà al fatto di escludere dal piano di assunzioni i docenti delle graduatorie d’istituto, abilitati e con anni di esperienza” conclude l’esponente del Movimento 5 Stelle.