Home Politica scolastica Chiudere le scuole? Un brutto segno, ma a volte è necessario

Chiudere le scuole? Un brutto segno, ma a volte è necessario

CONDIVIDI

Chiudere le scuole è una ferita, ma a volte è necessaria. Comunque le proteste, se costruttive, sono sempre un segnale da cogliere, soprattutto da parte dei parlamentari. È questo il concetto espresso, domenica 22 marzo, dal presidente della Camera, Laura Boldrini, commentando i tagli alle scuole sarde attuati negli ultimi anni, sollecitata dai giornalisti nella conferenza stampa a Nuoro sul piano di dimensionamento contestato da molti Comuni dell’isola.

“La chiusura delle scuole anche nei piccoli paesi non è mai un buon segno, ma al contempo abbiamo l’esigenza di ottimizzare le risorse. Ho chiesto ai precari della scuola di essere cittadini attivi, collaborare con i parlamentari sardi perché trovino soluzioni a Roma”. 

 

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition eb-territorio}

 

 

Boldrini poi ha aggiunto: “non mi sono sottratta a nessun fuori programma, dai precari della scuola ai lavoratori in cassa integrazione, perchè ritengo sia assolutamente doveroso ascoltare le preoccupazioni delle persone e farsene carico”.

Il presidente della Camera ha chiuso dicendo di non far “parte dell’esecutivo, ma posso sottoporre le istanze raccolte a chi ha la competenza per intravedere una strada”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

 

Laura Boldrini incontra i precari ad Oristano

[iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/FLzQCNghml8″ frameborder=”0″ allowfullscreen ]