Home Concorsi Concorsi docente, in autunno al via le prove per 68 mila posti...

Concorsi docente, in autunno al via le prove per 68 mila posti dall’infanzia alle superiori: il 12 luglio novità alla Camera

CONDIVIDI
  • Credion

Chi vuole diventare docente di ruolo approfitti dell’estate per studiare: se l’approvazione del decreto Sostegni-Bis, da domani 12 luglio nell’Aula della Camera, dovesse confermare quanto previsto dalla V commissione di Montecitorio, gli ultimi mesi dell’anno saranno caratterizzati dall’avvio di una lunga batteria di concorsi. Con ben 68 mila posti, più o meno, da assegnare.

Partono gli ordinari in sospeso

Innanzitutto, entro potranno finalmente partire i concorsi ordinari in sospeso, per i quali però non dovrebbero aggiungersi ulteriori candidature rispetto al mezzo milione di domande prodotte ormai un anno fa di questi tempi. Parliamo delle prove sia di Infanzia e Primaria (come da decreto direttoriale 498 del 20 aprile 2020 che ha previsto 12.863 posti), sia della Secondaria di primo e secondo grado (come da DM 201 del 20 aprile 2020 con 33 mila posti in palio).

Icotea

Come le prove Stem

Un “antipasto” su come si svolgeranno le prove lo abbiamo avuto di recente con le prove del concorso Stem, per il quale proprio in settimana si sono svolte le ultime prove semplificate (basate su domande a risposta multipla, con oltre 6 mila cattedre da assegnare), come indicato dalla riforma dei concorsi nella PA voluta dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta. Solo che stavolta, in autunno, non ci si fermerà alla procedura straordinaria per le sole discipline scientifiche, ma si allargherà ad un ampio numero di classi di concorso.

La riserva di posti nei concorsi

Inoltre, dalle modifiche approvate in commissione Bilancio si prevede un ulteriore doppio bando concorsuale del tutto nuovo che potrebbe portare in ruolo circa 22 mila precari.

Come già scritto su questa testata, la prima procedura è introdotta dal comma 10 bis secondo cui “i bandi dei concorsi di cui al comma 10, emanati a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, prevedono una riserva di posti, pari al 30 per cento per ciascuna regione, classe di concorso e tipologia di posto, in favore di coloro che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, nei dieci anni precedenti”.

I posti avanzati rimessi in palio

Una seconda selezione è stata avviata con il comma 9 bis, secondo il quale si prevede “in via straordinaria” l’avvio di un concorso riservato “per un numero di posti pari a quelli vacanti e disponibili per l’anno scolastico 2021/2022 che residuano dalle immissioni in ruolo effettuate ai sensi dei commi 1, 2, 3 e 4, salvi i posti di cui ai concorsi per il personale docente banditi con i decreti dipartimentali n. 498 del 21 aprile 2020 e n. 499 del 21 aprile 2020”.

Si tratta di una procedura che si dipanerà a livello di “regione e classe di concorso” e sarà “riservata ai docenti non compresi tra quelli di cui al comma 4 che abbiano svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, un servizio nelle istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni anche non consecutivi negli ultimi cinque anni scolastici”.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook